Perché una crisi economica dell'Eurozona sembra una possibilità

 economia della zona euro 6 19

La Banca centrale europea (BCE) ha confermato la speculazione che diventerà l'ultima banca centrale ad iniziare ad aumentare i tassi di interesse per cercare di scongiurare l'inflazione. La banca alzerà i tassi di 0.25 punti allo 0.25% per i prestiti e -0.25% per i depositi, con piani per un altro aumento nella prossima riunione di settembre. Ridurrà anche il suo programma per l'acquisto di titoli di stato di paesi come l'Italia e la Grecia non aumentando gli acquisti ogni mese nel complesso.

Tutte le principali economie stanno lottando con le difficoltà di cercare di far fronte all'inflazione aumentando i tassi di interesse nella consapevolezza che aumenterà i costi di finanziamento per consumatori e imprese e potrebbe portare a una recessione.

Ma per l'eurozona, la situazione è complicata dal fatto che ha sostenuto i paesi indebitati che non possono sgonfiare le loro valute per superare le turbolenze economiche. Se la BCE ora diventasse troppo severa con l'inflazione, potrebbe creare un panico di mercato che potrebbe far rivivere la crisi dell'eurozona degli anni 2010.

La stagflazione è tornata

Le prospettive globali per l'inflazione e la stabilità economica globale hanno notevolmente deteriorato negli ultimi mesi. Nel 2021 l'inflazione diretto verso l'alto poiché la domanda globale si è ripresa dopo la pandemia, ma catene di fornitura non riusciva a tenere il passo, non da ultimo a causa di La politica cinese zero COVID. L'aumento dei prezzi dell'energia era una parte importante del problema.

Molti banchieri centrali hanno pensato questo era temporaneo, e in effetti quando l'inflazione ha iniziato a calmarsi nella maggior parte delle economie sviluppate nella seconda metà del 2021, questo sembrava giusto. Ma l'invasione russa dell'Ucraina ha rotto la pace decennale in Europa e ha portato tre decenni di "grande moderazione” nei prezzi fino alla fine. Grazie alla pressione supplementare sui prezzi del petrolio e dell'energia, l'inflazione è ora in molti paesi in aumento prima della crescita economica.

Anche l'inflazione sta cominciando a pesare sull'economia globale in vari modi. Le persone hanno meno soldi, quindi non possono comprare tanto. E gli investitori sono più preoccupati per le prospettive, quindi sono più riluttanti a investire. Le prospettive di crescita economica mondiale sono notevolmente rallentate da febbraio. Ad esempio, la Banca Mondiale ha appena declassato la sua previsione per la terza volta in sei mesi e attualmente prevede una crescita del 2.9% nel 2022.

L'effetto sui titoli di Stato

Alla luce di questa situazione, gli investitori hanno anche scaricato obbligazioni societarie e governative. Temono che le prospettive di insolvenza del debito siano più elevate di prima e che i rendimenti (rendimenti) delle obbligazioni sembrino persino peggiori di prima, ora che l'inflazione è così alta. I prezzi delle obbligazioni sono debitamente diminuiti, il che significa che i rendimenti (tassi di interesse) sono aumentati perché sono inversamente correlati.

I rendimenti del debito dei paesi della zona euro sono stati in forte aumento, il che significa che sta diventando più costoso per loro prendere in prestito. Proprio come negli anni 2010, la maggiore pressione è sui paesi le cui finanze pubbliche sono le più ingombranti, come l'Italia e la Grecia. Ma anche la Germania, che è stata il fondamento della prudenza fiscale dell'eurozona e ha goduto di rendimenti negativi (noti anche come prestiti liberi) per la maggior parte degli ultimi tre anni, ha anche assistito a un aumento significativo.

Rendimenti dei titoli di Stato dell'Eurozona 2012-22

economia della zona euro2 6 19
 Rendimenti obbligazionari a 10 anni: Germania = giallo; Grecia = turchese; Italia = blu; Portogallo = indaco; Francia = viola; Spagna = arancione. Vista di trading

La crisi dell'eurozona è stata causata all'inizio degli anni 2010, quando i timori degli investitori sulla solvibilità di Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda hanno portato i loro rendimenti obbligazionari a livelli in cui avevano bisogno del sostegno della BCE, altrimenti i loro debiti sarebbero diventati ingestibili e probabilmente avrebbero dovuto uscire dall'euro


 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

Questo sostegno è venuto sotto forma di prestiti; programmi di acquisto di obbligazioni della Banca centrale europea (BCE) per sostenere i prezzi; tassi di interesse negativi; “creare” euro attraverso il quantitative easing (QE); e le rassicurazioni dell'allora presidente Mario Draghi che la Bce farebbe"tutto il necessario” per evitare un crollo.

Queste misure sono le motivo principale perché i rendimenti obbligazionari sono rimasti al di sotto dei livelli rovinosi dagli anni 2010, con il supporto all'acquisto di obbligazioni e il QE fornito di recente all'inizio della pandemia poiché i paesi hanno dovuto prendere in prestito ancora di più per far fronte. La BCE è attualmente seduta su titoli di Stato degli Stati membri per un valore di circa 5 trilioni di euro (4.3 trilioni di sterline) e attualmente effettua acquisti netti di oltre 30 miliardi di euro al mese.

Ora che i rendimenti stanno salendo di nuovo, una soluzione è che la BCE lo faccia acquistare ancora più obbligazioni da questi paesi. Tuttavia, non è così semplice perché l'acquisto di obbligazioni sostenuto dal QE è un'altra ragione per l'aumento dell'inflazione. In effetti, uno degli altri argomenti a favore di queste mosse negli anni 2010 è stato quello di scongiurare la deflazione, che non è una giustificazione valida ora che l'inflazione è così alta. L'acquisto di obbligazioni ora sarebbe una violazione della strategia della BCE che mira 2% di inflazione.

Se dovesse aumentare l'inflazione, ciò peggiorerebbe ulteriormente le prospettive economiche. Ciò potrebbe causare ulteriori vendite di obbligazioni che spingerebbero i rendimenti più in alto.

Invece, la BCE sta seguendo artisti del calibro della Federal Reserve e della Bank of England degli Stati Uniti e sta facendo il contrario. Il pericolo con l'aumento dei tassi di interesse e la fine dell'acquisto di obbligazioni è che danneggerà l'economia, il che potrebbe rendere gli investitori più preoccupati per le prospettive e costringere i rendimenti obbligazionari ancora più alti. In effetti, i rendimenti sono appena aumentati dopo il Segnalato dalla BCE che era potenzialmente disponibile a fare un aumento di 0.5 punti percentuali dei tassi a settembre, segno di quanto sia precaria questa situazione.

In sintesi, la BCE si trova di fronte a uno strano dilemma, in cui ogni scelta politica aumenterà potenzialmente i rischi di una ripetizione della crisi dell'eurozona degli anni 2010. L'inflazione è un affare delicato, ecco perché l'economista austriaco Fridrich von Hayek confrontato al tentativo di "prendere una tigre per la coda".

Se l'inflazione inizia a scendere con il deterioramento della crescita, l'eurozona potrebbe in qualche modo evitare un'altra crisi perché sarà più facile fare più QE e acquistare più obbligazioni. Ma nel frattempo, tutti gli occhi saranno puntati sui rendimenti obbligazionari di paesi come l'Italia e la Grecia per vedere quanto salgono.

Circa l'autoreThe Conversation

Muhammad Alì Nasir, Professore Associato in Economia, Università di Leeds

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



Potrebbe piacerti anche

Nuovi atteggiamenti - Nuove possibilità

InnerSelf.comClimateImpactNews.com | InnerPower.net
MightyNatural.com | WholisticPolitics.com | Mercato InnerSelf
Copyright © 1985 - 2021 Innerself Pubblicazioni. Tutti i diritti riservati.