Ogni parte del corpo ha un sistema di messaggi simbolici

Ogni parte del corpo ha un sistema di messaggi simbolici

Viviamo in tempi in cui gli strumenti di comunicazione non sono mai stati così potenti, con telefoni cellulari, laptop e tablet che ci permettono di scrivere, inviare messaggi o parlare a chiunque nel mondo in qualsiasi momento attraverso Internet pervasivo. Tuttavia, questa immagine non è così rosea come sembra. La nostra comunicazione è troppo spesso vuota, vaga o fuorviante, solo fingendo di essere una vera comunicazione. Tutti i nostri gadget sono spesso solo dispositivi che utilizziamo per compensare la nostra incapacità di avere scambi reali e significativi con gli altri.

Il modo in cui conduciamo le nostre vite, ciò che con la pervasività e il potere dei media, la trappola del materialismo e il ritmo accelerato della vita quotidiana, ci ha portato gradualmente a credere che semplicemente esistere è vivere, che agitazione e frenesia è energia. Questo è successo con il nostro consenso implicito. Anzi, lo chiediamo persino - sempre di più, sempre più velocemente; è così che ci sentiamo. Ma a quale fine? È quello di svegliarsi un giorno a qualsiasi età, malato e depresso, solo per rendersi conto che ci siamo persi la vita?

Guardare fuori per le risposte?

Siamo stati condizionati dalla società moderna per cercare di soddisfare i nostri desideri con mezzi esterni, così abbiamo imparato come gestire, padroneggiare, controllare e comunicare con ciò che è al di fuori di noi. Ogni giorno questa corsa sfrenata ci allontana dal nostro vero, autentico sé, divorando la nostra essenza. È solo la morte o la malattia che sembra riportarci indietro, costringendoci a tornare indietro, ad affrontare noi stessi. E quando questo accade, ci sentiamo impotenti. Chi è questa persona sconosciuta che scopriamo tristemente allo specchio? Cosa significa che questo corpo fa male? Chi è questo estraneo quasi totale che languisce a letto? Eppure questo estraneo è il nostro primo e unico vero sé, quello che non abbiamo mai veramente parlato o preso il tempo per conoscere.

Scoprire questo sé non familiare può essere così inquietante che chiederemo al dottore di darci ciò che serve per mettere a tacere la sofferenza che rifiutiamo. Eppure, se solo lo sapessimo! I problemi che sono alla base del dolore e della sofferenza non sono altro che grida disperate per il riconoscimento che la nostra vita e il nostro corpo ci stanno inviando. Sono segnali premonitori, indicazioni che siamo fuori equilibrio con la nostra vera natura, ma troppo spesso non siamo in grado di ascoltare questi avvertimenti, e tanto meno capirli.

Dopo molti anni di pratica delle tecniche energetiche, in particolare dello shiatsu, sono stato in grado di rendermi conto fino a che punto, per ognuno di noi, il nostro corpo ci parla (urlando persino) su ciò che stiamo realmente vivendo nel profondo di noi stessi. La nostra realtà più profonda, il nostro non-conscio, la nostra mente, la nostra anima - qualunque sia il tuo termine preferito - ci parla costantemente, dicendoci cosa non funziona. Ma noi non ascoltiamo e non capiamo. Perché? Le ragioni sono due.

Primo, non siamo in grado o non vogliamo ascoltare i messaggi che ci vengono inviati attraverso i nostri sogni, intuizioni, premonizioni, sensazioni fisiche e così via. Quindi questi messaggi diventano sempre più forti (sotto forma di malattie, incidenti, conflitti, ecc.) Così possiamo finalmente prestare attenzione e smettere di fare ciò che ci sta causando di essere fuori equilibrio.

Il secondo motivo per cui non prestiamo attenzione a ciò che il nostro corpo sta realmente dicendo è che anche se non possiamo, nella maggior parte dei casi, evitare di percepire il dolore, non sappiamo come decifrarlo o leggerlo. Quindi il dolore può fermare il processo disadattato per un po ', ma non cambiamo radicalmente ciò che l'ha provocato. Nessuno ci ha mai insegnato come dare un senso al dolore.

Siamo come marinai che ricevono messaggi in codice Morse ma non abbiamo mai imparato la lingua del codice Morse, quindi l'incessante bip-bip il dolore finisce per essere spiacevole. Ci disturba, ci turba. Il fatto è, quello bip-bip sta cercando di avvertirci che c'è una crepa nello scafo della nave che ha bisogno di calafataggio.

Il linguaggio codificato del corpo

Come viene messo insieme il corpo? E qual è il ruolo di ciascuna delle parti e degli organi che lo compongono e ne supportano l'esistenza e il funzionamento?

Ora prenderemo parte del nostro corpo e lo studieremo in dettaglio. In questo modo troveremo i codici segreti che ci permetteranno di decifrare i suoi messaggi.

Gli arti inferiori

Gli arti inferiori sono composti da due parti: la parte superiore della gamba (coscia e femore) e la parte inferiore della gamba (polpaccio, tibia e fibula) e tre assi importanti che costituiscono le loro articolazioni principali. Finiscono in un pezzo magistrale: il piede.

Le articolazioni che collegano e articolano il piede, la parte inferiore della gamba, la parte superiore della gamba e il tronco sono l'anca, il ginocchio e la caviglia. Qual è il ruolo fisiologico primario delle nostre gambe? Sono ciò che ci permettono di muoverci, di andare avanti o indietro, da un posto all'altro e, naturalmente, verso gli altri. Pertanto, sono i nostri agenti di mobilità che ci mettono in relazione con il mondo e con le altre persone. Il simbolismo "sociale" della gamba è molto forte. È la gamba che rende possibili raduni, incontri, contatti e movimenti. Le nostre gambe quindi sono i nostri agenti di relazione.

Problemi agli arti inferiori

In senso molto generale, quando abbiamo tensione o dolore alle gambe, significa che abbiamo tensioni nelle nostre relazioni con il mondo o con qualcuno. Stiamo avendo difficoltà ad andare avanti o indietro nello spazio relazionale del momento. Più precisamente possiamo individuare la posizione all'interno della gamba, più saremo in grado di affinare il tipo di tensione che stiamo vivendo e più è probabile che la capiremo.

L'anca

L'anca corrisponde all'articolazione primaria, base, "madre" degli arti inferiori. È dall'anca che inizia tutto il movimento potenziale di questi arti. Rappresenta anche l'asse base del nostro mondo di relazioni. La definiamo la "porta dell'inconscio relazionale", il punto attraverso il quale gli elementi del nostro inconscio emergono verso il conscio.

I nostri piani più profondi, le nostre convinzioni sulla relazione con gli altri e con il mondo, e il modo in cui sperimentiamo le nostre relazioni sono somaticamente rappresentati dall'anca. Qualsiasi disturbo - conscio o meno - in queste aree avrà ripercussioni sul sito di uno dei nostri fianchi.

Problemi dell'anca

Problemi con l'anca - dolore, tensione, blocchi, artrosi - ci mostrano che ci stiamo muovendo attraverso una situazione in cui la base delle nostre convinzioni più profonde viene messa in discussione. Quando l'anca lascia andare, significa che anche i nostri profondi supporti interiori, le nostre convinzioni più radicate che ci connettono alla vita, stanno lasciando andare. I problemi del tradimento o dell'abbandono vengono alla superficie, sia quelli di noi stessi che quelli di qualcun altro.

Se è una questione di anca sinistra, abbiamo il caso di un'esperienza di tradimento o abbandono con il simbolismo yang (paterno). Sto pensando a una persona di nome Sylvie che è venuta a trovarmi su un problema di artrosi alla sua anca sinistra, poco prima di farlo funzionare. Dopo averla lasciata parlare della sua sofferenza fisica, l'ho portata al cuore del problema. Facendola parlare un po 'di più della sua vita, ho chiesto, "Quale uomo ti ha tradito o ti ha deluso negli ultimi mesi?"

Nonostante la sua sorpresa, mi ha confidato di aver perso suo marito tre anni prima, ma non ha visto alcuna connessione tra queste due cose. Le ho gradualmente spiegato il processo inconscio che aveva impiegato tutto il tempo per essere rilasciato in questo modo. Ha poi riconosciuto che in effetti aveva sperimentato la scomparsa di suo marito come un abbandono e come qualcosa che non era giusto.

Dopo due sessioni di massaggio di armonizzazione e lavoro su questo ricordo, la sua anca è stata rilasciata al punto che durante la seconda settimana è stata in grado di passare due giorni completi senza sentire il minimo dolore. Le sue paure e le sue obbligazioni professionali la spinsero, tuttavia, a prendere la decisione di sottoporsi all'operazione, che fu un "completo successo" e zittì il dolore.

Ma un anno e mezzo dopo è tornata a trovarmi per lo stesso problema, questa volta sul fianco destro. Era chiaro che non aveva rilasciato nessuna delle precedenti tensioni interne. La ferita nell'anima non era guarita e cercava un altro punto nel corpo in cui potesse esprimersi.

L'ho spinta oltre per parlare della sua esperienza e alla fine ha confessato che dopo la scomparsa di suo marito aveva avuto seri dubbi sulla sua fedeltà e pensava di averla tradita. Si sentiva tradita nella sua posizione di moglie.

Non era sorprendente quindi che l'inconscio avesse bisogno di inviare questa ferita non risolta, che era stata tenuta aperta dal dubbio, in un fianco. Se è l'anca giusta coinvolta, abbiamo il caso di un'esperienza di tradimento o di abbandono del simbolismo yin (materno). Questa volta il suo dolore è andato all'anca destra perché era in gioco la sua femminilità, ma è andata anche lì perché il fianco sinistro non poteva più "parlare".

© 2018 di Michel Odoul & Inner Traditions Intl.
Tradotto da: Dis-moi où tu come mal, je te dirai pourquoi.
Ristampato con il permesso dell'editore
Stampa di arti curative. www.InnerTraditions.com

Fonte dell'articolo

Ciò che i tuoi dolori e dolori ti stanno dicendo: grida del corpo, messaggi dell'anima
di Michel Odoul

Quello che i tuoi dolori e dolori ti dicono: grida del corpo, messaggi dell'anima di Michel OdoulOffrendo chiavi per decifrare ciò che il corpo sta cercando di dirci, l'autore mostra che possiamo imparare a vedere i disturbi fisici non come qualcosa causato dal caso o dal destino, ma come un messaggio dal nostro cuore e dalla nostra anima. Rilasciando le energie e gli schemi a cui puntano, possiamo tornare a uno stato di salute e ad avanzare nel nostro percorso attraverso la vita.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro tascabile (O l' Edizione Kindle)

Circa l'autore

Michel OdoulMichel Odoul è un praticante di medicina shiatsu e psicoenergetica, nonché fondatore dell'Istituto francese di Shiatsu e Psicologia fisica applicata. È apparso in numerose conferenze sulla salute in tutto il mondo, tra cui l'incontro internazionale 2013 di agopuntori senza frontiere. Vive a Parigi.

libri correlati

{amazonWS: searchindex = Libri; parole chiave = messaggi dal corpo; maxresults = 3}

enafarZH-CNzh-TWtlfrdehiiditjamsptrues

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}