Una metafora del percorso di vita: due cavalli, una carrozza, un autista e un passeggero

Una metafora del percorso di vita: due cavalli, una carrozza, un autista e un passeggero

The Life Path è una sorta di filo conduttore che ogni essere umano segue nel corso della sua vita. Il romanziere e visionario brasiliano Paulo Coelho usa il termine Leggenda personale nel suo bel libro L'Alchimista per descrivere la stessa cosa Possiamo confrontarlo con la sceneggiatura di un film o con la "mappa del percorso" per gli appassionati di rally di oggi. Andiamo avanti su questa strada facendo uso del veicolo che è il nostro corpo fisico.

Qui la saggezza orientale ci offre un'utile metafora: il corpo fisico è una carrozza che percorre un sentiero che simboleggia la vita, quello che io chiamo il Sentiero della Vita. La strada su cui viaggia la carrozza è una strada sterrata. Come tutte le strade non asfaltate ha buche, dossi, pietre, solchi e fossati su entrambi i lati.

I buchi, i dossi e le pietre sono le difficoltà, i colpi della vita. I solchi sono modelli già esistenti che prendiamo dagli altri e ripetiamo nella nostra vita. I fossati, alcuni profondi, alcuni poco profondi, rappresentano le regole, i confini che dobbiamo stare dentro per evitare incidenti. La strada a volte ha svolte a bassa visibilità, e possono esserci aree di nebbia e tempeste che occludono il percorso. Questi sono i tempi nella vita in cui siamo "nella nebbia", dove abbiamo difficoltà a vedere o prevedere chiaramente perché non possiamo vedere cosa ci aspetta.

La carrozza è trainata da due cavalli, uno bianco (yang) a sinistra e uno nero (yin) a destra. I cavalli simboleggiano le nostre emozioni, che ci trascinano in giro o addirittura ci guidano attraverso la vita. La carrozza è guidata da un cocchiere che rappresenta la nostra mente pensante, la parte cosciente di noi stessi. Il carrello ha quattro ruote. Le ruote anteriori corrispondono alle nostre braccia e mantengono la direzione, o meglio trasmettono la direzione data dal cocchiere ai cavalli; le ruote posteriori corrispondono alle gambe, che trasportano e trasportano il carico (e sono quindi sempre più grandi delle ruote anteriori).

Dentro la carrozza c'è un passeggero che non vediamo. Questo passeggero è il maestro interiore o guida, che ognuno di noi ha. Questa è la coscienza non conscia o olografica; I cristiani lo chiamano l'angelo custode. *

* Il non conscio è un concetto più ampio dell'inconscio della psicologia occidentale. È la seconda parte della coscienza umana, che consiste di due parti, una che è "cosciente" e una che non è "cosciente". La parte cosciente è quella che usiamo per la riflessione, le azioni volontarie, il lavoro e così via. La parte non conscia è quella che funziona inconsciamente, tutto il tempo. È analogo allo Shen prenatale della filosofia taoista, che ha scelto di incarnarsi in un particolare corpo umano perché è consapevole di ciò che questa particolare anima ha bisogno di compiere sulla Terra in questa incarnazione, cioè conosce la destinazione della vita della persona Sentiero.

Chi guida?

La carrozza viaggia sulla strada della vita, apparentemente guidata dal cocchiere. Dico "apparentemente" perché sebbene sia certamente l'autista, è il passeggero che ha dato al guidatore la destinazione. Il cocchiere, che è la nostra mente, il nostro modo di pensare, guida la carrozza.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


La qualità e il comfort del viaggio (cioè la propria esistenza) dipende dalla qualità dell'attenzione del cocchiere e da come guida (fermamente ma delicatamente). Se maltratta i cavalli (le emozioni) e li rimprovera, diventeranno agitati o folli, probabilmente causando un incidente, proprio come le nostre emozioni a volte ci inducono a fare cose irragionevoli o persino pericolose. Se l'autista è troppo rilassato, se manca di attenzione, la squadra di cavalli entrerà nei solchi (sotto forma di rigiocabilità dei modelli dei genitori, ad esempio). Quindi seguiamo le orme degli altri e potremmo finire nel fosso se è quello che è successo loro.

Allo stesso modo, se non è attento, il cocchiere non sarà in grado di evitare tuffi, sobbalzi e buche (colpi, errori nella vita), quindi il viaggio sarà molto scomodo per la carrozza, il cocchiere e l'interno maestro. Se il cocchiere annuisce o non tiene le redini, saranno i cavalli a finire alla guida della carrozza. Se il cavallo nero è più forte (perché ci siamo occupati meglio di lui), la carrozza virerà a destra e sarà guidata dalle rappresentazioni emotive materne. Se il cavallo bianco è dominante perché ci siamo presi cura di lui meglio, la carrozza virerà a sinistra verso le rappresentazioni emotive paterne. Se il cocchiere guida troppo veloce o spinge troppo forte, come a volte facciamo, o se i cavalli si schiantano, sarà il fossato o un incidente che porterà il veicolo a fermarsi più o meno violentemente e con una certa quantità di danni ( incidenti e traumi).

A volte una ruota o una parte della carrozza cede (malattia), sia perché era debole o perché la carrozza ha colpito troppi urti o troppe buche (sovraccarico comportamentale, atteggiamenti carenti). Quindi saranno necessarie delle riparazioni e, a seconda della gravità del guasto, ci prenderemo cura di noi stessi (riposo, rigenerazione) o chiameremo un tuttofare (medicina alternativa o naturale) o un meccanico (medicina moderna allopatica). In ogni caso, non sarà sufficiente cambiare solo la parte. È essenziale riflettere attentamente su come guida il cocchiere e su come modificheremo il nostro comportamento e gli atteggiamenti verso la vita se non vogliamo un altro crollo.

Dove siamo diretti?

A volte la carrozza attraversa zone in cui non possiamo vedere chiaramente in anticipo. Potrebbe esserci una svolta nella strada. Possiamo vederlo arrivare così dobbiamo rallentare e controllare la direzione del turno, seguendo la sua curva, tenendo i cavalli sotto controllo (padroneggiare le nostre emozioni quando viviamo un momento di cambiamenti intenzionali o inattesi).

Quando c'è nebbia o tempesta è più difficile guidare la carrozza, quindi dobbiamo davvero rallentare e prestare attenzione ai lati della strada. In tali momenti, dobbiamo avere piena o addirittura cieca fiducia nella strada da percorrere (le leggi naturali o le regole delle varie tradizioni e religioni); dobbiamo anche avere fede nel maestro interiore (il non conscio) che ha scelto questa strada. Questi sono i tempi nella vita in cui siamo "persi nella nebbia", quando non sappiamo più dove stiamo andando. In quei momenti tutto ciò che possiamo fare è lasciare che la vita ci mostri la via.

A volte, come succede, arriviamo a un bivio. Se la strada non è ben segnalata, non sapremo quale direzione prendere. Il cocchiere (la mente pensante, l'intelletto) può scegliere una direzione a caso. Più fiducioso è il cocchiere, sicuro di sapere tutto e padroneggiare tutto, più penserà di sapere quale direzione scegliere. In questi casi i rischi sono proporzionalmente maggiori. Questo è il regno del "tecnocrate razionale", in cui crediamo che solo la ragione e l'intelletto possano risolvere tutto.

D'altra parte, se il cocchiere è umile e onesto con se stesso, chiederà al passeggero, il maestro interiore, quale strada prendere. Il passeggero sa dove sta andando; lui conosce la destinazione finale. Può quindi dire al cocchiere, che prenderà quella direzione a condizione che il cocchiere sia effettivamente in grado di sentirlo. Infatti, poiché la carrozzina a volte fa molto rumore mentre scorre, il cocchiere potrebbe dover fermare il carrello per consentire uno scambio con il maestro all'interno. Queste sono le pause, i timeout che a volte prendiamo per riconnetterci con noi stessi, perché spesso accade che perdiamo il contatto con la nostra stessa guida interiore, la conoscenza interiore del nostro percorso di vita e destinazione.

Quindi qui abbiamo un'immagine semplice che rappresenta abbastanza accuratamente ciò che è il percorso di vita. Questa metafora spiega il modo in cui le cose accadono nella vita e ciò che può farci fuori strada.

© 2018 di Michel Odoul & Inner Traditions Intl.
Tradotto da: Dis-moi où tu come mal, je te dirai pourquoi.
Ristampato con il permesso dell'editore
Stampa di arti curative. www.InnerTraditions.com

Fonte dell'articolo

Ciò che i tuoi dolori e dolori ti stanno dicendo: grida del corpo, messaggi dell'anima
di Michel Odoul

Quello che i tuoi dolori e dolori ti dicono: grida del corpo, messaggi dell'anima di Michel OdoulOffrendo chiavi per decifrare ciò che il corpo sta cercando di dirci, l'autore mostra che possiamo imparare a vedere i disturbi fisici non come qualcosa causato dal caso o dal destino, ma come un messaggio dal nostro cuore e dalla nostra anima. Rilasciando le energie e gli schemi a cui puntano, possiamo tornare a uno stato di salute e ad avanzare nel nostro percorso attraverso la vita.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro tascabile e / o scarica l'edizione Kindle.

L'autore

Michel OdoulMichel Odoul è un praticante di medicina shiatsu e psicoenergetica, nonché fondatore dell'Istituto francese di Shiatsu e Psicologia fisica applicata. È apparso in numerose conferenze sulla salute in tutto il mondo, tra cui l'incontro internazionale 2013 di agopuntori senza frontiere. Vive a Parigi.

libri correlati

{amazonWS: searchindex = Libri; parole chiave = scopo del percorso di vita; maxresults = 3}

enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Newsletter InnerSelf: agosto 30, 2020
by Staff di InnerSelf
Le strade che stiamo percorrendo in questi giorni sono vecchie come i tempi, ma sono nuove per noi. Le esperienze che stiamo vivendo sono vecchie come i tempi, ma sono anche nuove per noi. Lo stesso vale per il ...
Quando la verità è così terribile da far male, agisci
by Marie T. Russell, InnerSelf.com
In mezzo a tutti gli orrori che si verificano in questi giorni, sono ispirato dai raggi di speranza che brillano. La gente comune si batte per ciò che è giusto (e contro ciò che è sbagliato). Giocatori di baseball, ...
Quando la tua schiena è contro il muro
by Marie T. Russell, InnerSelf
Amo Internet. Ora so che molte persone hanno molte cose negative da dire al riguardo, ma lo adoro. Proprio come amo le persone della mia vita - non sono perfette, ma le amo comunque.
Newsletter InnerSelf: agosto 23, 2020
by Staff di InnerSelf
Tutti probabilmente possono essere d'accordo sul fatto che stiamo vivendo in tempi strani ... nuove esperienze, nuovi atteggiamenti, nuove sfide. Ma possiamo essere incoraggiati a ricordare che tutto è sempre in movimento, ...
Le donne nascono: fatti vedere, essere ascoltata e agire
by Marie T. Russell, InnerSelf
Ho chiamato questo articolo "Le donne nascono: sii vista, sii ascoltata e agisci", e mentre mi riferisco alle donne evidenziate nei video qui sotto, parlo anche di ognuna di noi. E non solo di quelli ...