In che modo la democrazia più grande del mondo parla dei suoi voti

In che modo la democrazia più grande del mondo parla dei suoi voti

A proposito di 600 milioni di cittadini indiani ci si aspetta che votino un periodo di 39 giorni fine maggio 19, nelle elezioni in corso per il parlamento del loro paese. Ci sono all'incirca 900 milioni di elettori idoneie il paese ha in genere visto circa i due terzi di loro si rivelano ai seggi elettorali.

Ho lavorato sulla sicurezza dei sistemi di votazione elettronica per più di 15 anni e, insieme ad altri colleghi, sono stato interessato a capire come una nazione può contare su molti voti espressi in un periodo così lungo. L'India usa a macchina per il voto elettronico progettata e costruita a livello nazionale - tanti quanti 4 milioni di loro at 1 milioni di posti di polling, almeno alcuni in estremamente a distanza posizioni.

democrazia Diverse aree dell'India votano in sette giorni diversi, nel corso di un periodo elettorale di 39-day. Furfur, tradotto da RaviC / Wikimedia Commons, CC BY-SA

La prima versione della macchina per il voto elettronico indiana ha debuttato nel elezione dello stato in Kerala in 1982. Ora vengono utilizzati nelle elezioni in tutto il paese, che si verificano in giorni diversi in aree diverse.

Come funziona?

Quando un elettore arriva al seggio, presenta un ID foto e l'ufficiale di sondaggio verifica che lei sia nella lista elettorale. Quando è il suo turno di votare, un funzionario elettorale utilizza un'unità di controllo della macchina per il voto elettronico per sbloccare la sua unità di voto, pronta ad accettare il suo voto.

L'unità di voto ha un'interfaccia utente molto semplice: una serie di pulsanti con nomi e simboli candidati. Per votare, l'elettore preme semplicemente il pulsante accanto al candidato di sua scelta.

Dopo ogni pressione di un pulsante, una stampante stampa la scelta dell'elettore sulla carta e lo mostra all'elettore per alcuni secondi, in modo che la persona possa verificare che il voto sia stato registrato correttamente. Quindi la carta viene rilasciata in una scatola di immagazzinaggio bloccata.

L'intero sistema funziona su una batteria, quindi non ha bisogno di essere collegato.

Quando è il momento per il seggio di chiudere alla fine del giorno di votazione, ogni dispositivo elettronico di voto e scatola di archiviazione della carta vengono sigillati con cera e nastro con le firme dei rappresentanti dei vari candidati in quella elezione, e conservati sotto guardia armata.

democrazia Una donna testa una macchina per il voto elettronico in India prima delle elezioni nazionali di quel paese. AP Photo / Manish Swarup

Dopo che il periodo elettorale è finito ed è il momento di calcolare i voti, le macchine per il voto elettronico vengono espulse, i sigilli aperti e il conteggio dei voti per ciascuna unità di controllo viene letto dal suo tabellone. Gli addetti alle elezioni gestiscono manualmente i totali di ciascuna macchina per ottenere i risultati elettorali per ciascuna circoscrizione.

Protezioni di sicurezza - e preoccupazioni

La macchina per il voto elettronico indiano funziona principalmente su hardware e firmware specializzati, a differenza delle macchine per il voto utilizzate negli Stati Uniti, che sono ad alta intensità di software. È inteso per il singolo scopo del voto e specialmente progettato per quello, piuttosto che fare affidamento su a sistema operativo standard come Windows, che deve essere aggiornato regolarmente per correggere le vulnerabilità di sicurezza rilevate.

Ogni macchina richiede solo una connessione tra un'unità di votazione e un'unità di controllo; non ci sono disposizioni per collegare una macchina per il voto elettronico a una rete di computer, tanto meno a Internet - anche in modalità wireless.

Questo disegno offre alcune protezioni contro possibili manomissioni su come i voti vengono registrati e conteggiati. La Commissione elettorale indiana ha ripetutamente affermato che il le macchine per il voto elettronico sono a prova di manomissione. Tuttavia, uno studio accademico ha dimostrato ci sono modi per rigare le macchine. In particolare, la semplicità del design consente attacchi semplici, come ad esempio intercettare e modificare il segnale portato sopra il cavo della macchina.

La Commissione elettorale ha non ha reso pubbliche valutazioni di sicurezza indipendentiquindi non è chiaro esattamente ciò che è - o non è - possibile. Parti che perdere le elezioni di frequente sospetto disonesto e domanda l'attrezzatura.

Fabbricazione delle macchine

As Io e altri abbiamo osservatoquando le macchine vengono fabbricate, c'è una serie di opportunità per qualcuno di manomettere fisicamente una macchina per il voto elettronico in modi che il test del dispositivo di pre-elezione potrebbe non rilevare. Il software delle macchine è progettato, scritto e testato su due società di elettronica di proprietà del governo indiano: Bharat Electronics Limited e Electronics Corporation of India Limited. I chip per le macchine sono fabbricati fuori dall'India. Nelle versioni precedenti della macchina, il produttore del chip ha anche scritto il codice macchina nel chip; oggi le società di elettronica lo fanno da sole.

In qualsiasi momento durante la fabbricazione, il collaudo e la manutenzione, potrebbe essere possibile introdurre chip contraffatti o scambiare altri componenti che potrebbero consentire agli hacker di alterare i risultati.

La Commissione elettorale indiana sostiene che qualsiasi manipolazione o errore verrebbe rilevata perché la macchina per il voto elettronico viene testata frequentemente e i rappresentanti dei candidati hanno l'opportunità di partecipare a finte elezioni immediatamente prima che una macchina venga utilizzata in una vera elezione. Tuttavia, è possibile apportare modifiche che non verranno rilevate. I test possono rivelare solo alcuni problemi e l'assenza di problemi durante i test non significa che i problemi non esistano.

Controllo dei risultati delle macchine

Esiste, tuttavia, un meccanismo per rilevare gli attacchi: la carta stampata con il voto e conservata in modo sicuro con l'apparecchiatura elettronica. UN 2013 Direttiva della Corte Suprema ha chiesto alla Commissione elettorale di creare tale processo per proteggere l'integrità del voto processo.

democrazia Un funzionario delle elezioni indiane mostra una scheda campione di un ballottaggio elettronico durante una dimostrazione di come funziona l'apparecchiatura. AP Photo / Manish Swarup

In ogni collegio elettorale, cinque macchine per il voto elettronico i risultati verranno verificati confrontando un conteggio manuale delle stampe con i conti elettronici. (Questo significa che verrà testato il 1% o il 2% delle macchine di ogni collegio elettorale.) I partiti di opposizione hanno chiesto alla Corte Suprema di ordinare audit di metà di tutte le macchine per il voto elettronicoma ciò potrebbe non accadere con le elezioni di quest'anno.

Mentre il sistema delle macchine per il voto elettronico è utile e funzionale, i funzionari e gli osservatori non dovrebbero presumere che non ci sia modo di manomettere i risultati. La Commissione elettorale dovrebbe certamente continuare a migliorare i test e fornire rapporti pubblici di test indipendenti. Tuttavia, poiché nessuna tecnologia può essere a prova di manomissione, ogni risultato elettorale dovrebbe essere verificato da una verifica manuale, per garantire che i risultati siano corretti, qualunque essi siano.The Conversation

Circa l'autore

Poorvi Vora, professore di informatica, George Washington University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

libri correlati

{amazonWS: searchindex = Libri; parole chiave = protezione delle elezioni; maxresults = 3}

enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}