È tempo di votare per la felicità e il benessere, non la crescita economica

È tempo di votare per la felicità e il benessere, non la crescita economica Ci interessa più dell'economica quando si tratta della cabina elettorale. Quindi perché i governi non ascoltano? da www.shutterstock.com

Con l'avvicinarsi delle elezioni federali, ci si aspetta che anneghino in slogan come "tasse più basse", "crescita dei salari", "riforma del credito affrancatura" o "riforme del sistema di indebitamento negativo". Questi per lo più presuppongono che gli elettori siano ossessionati quanto i politici con problemi economici e finanziari, piuttosto che, per dire, il tipo di Australia in cui vogliono che i loro nipoti vivano.

Non c'è dubbio che valutiamo un'economia sana e si può sostenere che l'Australia ha goduto di un "corsa notevole"Negli ultimi 50 anni. Ma anche gli australiani comprendono e si preoccupano dei costi della crescita economica e di altre questioni che i nostri politici sembrano meno preoccupati.

Polling mostra costantemente i cittadini si preoccupano più dei loro politici di alcune questioni piuttosto importanti: azione sul clima e l'energia, sull'alloggio e l'ineguaglianza, sulle donazioni aziendali e sulla corruzione della democrazia

Quindi, perché il nostro sistema politico non ci consente di discutere e decidere sulle cose a cui teniamo veramente, come il futuro benessere della nostra società e persino il ruolo di valori come gentilezza, equità e compassione nel dirigere le nostre politiche?

Questo è il tipo di futuro che la neozelandese Jacinda Ardern ha descritto come sorpresa Forum economico mondiale di Davos all'inizio di quest'anno.

Il primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, interverrà quest'anno al World Economic Forum di Davos sulla gentilezza, l'empatia e il benessere in politica.

Questo tipo di cambiamento richiede politiche intergenerazionali e una visione chiara per l'Australia che vogliamo; non sembra di avere neanche

Semplicemente non si inseriscono nel ciclo elettorale di tre anni. Ma la ragione più immediata - l'elefante nella stanza - è l'opinione ampiamente diffusa nelle classi politiche e nei media che la crescita economica continua significhi il progresso della società.

Eppure, per ironia della sorte, è la nostra eccessiva dipendenza dal prodotto interno lordo (PIL) come un singolare motore di politica economica e sociale che ha portato a molti problemi sociali, come l'iniquità, il sovra-consumo e il cambiamento climatico.

Alternative al PIL?

Storicamente, il PIL non è mai stato inteso come una misura del progresso sociale e molti hanno messo in discussione il suo dominio. Ma è solo di recente questa alternativa sono state sviluppate misure di progresso sociale e un "oltre il PIL" globale movimento è emerso.

A livello internazionale, questo ha portato al Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, la OCSE Better Life Index e il Indice canadese di benessere. Questi consentono ai paesi di seguire i loro progressi verso obiettivi ambiziosi come "buona salute e benessere" e "educazione di qualità".

Alcuni paesi stanno andando oltre. Stanno sviluppando modelli più ampi di progresso sociale in cui il benessere equo e sostenibile è l'obiettivo finale del governo. Stanno cercando di costruire questo obiettivo nelle loro economie, budget, sistemi politici e pianificazione a lungo termine, anche in alcuni casi costituzione. Molti di questi modelli sono saldamente ancorati a un processo di coinvolgimento dei cittadini e al rinnovamento democratico. "Paesi come la Nuova Zelanda, Galles, Italia, Scozia, Slovenia e alcuni in America latina stanno conducendo questo movimento.

La maggior parte sono membri del Benessere Alleanza economica, dove governi e gruppi di comunità si stanno combinando per costruire "un'economia che offra benessere umano ed ecologico".

A luglio verrà lanciato Ardern il primo budget al mondo per il benessere. Ciò richiederà ai ministri di dimostrare l'impatto del benessere delle loro proposte di bilancio (piuttosto che l'impatto sui seggi marginali, come facciamo qui). I ministri dovranno anche mostrare i compromessi tra capitale naturale, sociale, umano, finanziario e fisico.

Cosa dovrebbero fare i politici australiani di questo?

Tutto ciò dovrebbe sollevare alcune domande. I cittadini vogliono un modello alternativo di progresso sociale per guidare la nostra agenda politica? Cosa considerano le priorità più importanti per il tipo di Australia che vogliono? Come sarebbe l'economia del benessere australiano?

Come parte dell'ANDI nazionale (Indice di sviluppo nazionale australiano) progetto, una collaborazione di ricerca di comunità a lungo termine con sede presso l'Università di Melbourne, abbiamo recentemente chiesto alcune di queste domande.

In un sondaggio nazionale sulle persone 1,850, solo il 43% di intervistati ritiene che l'Australia si stia "dirigendo nella giusta direzione". Ma quasi 87% pensava che nel tracciare i progressi nazionali, le misure sanitarie, sociali e ambientali fossero importanti quanto quelle economiche.

Alla domanda sulle priorità per il progresso nazionale, le persone hanno valutato questioni come il benessere dei bambini e dei giovani, salute, istruzione, democrazia e governance, comunità e infrastrutture, equità, lavoro e vita lavorativa, benessere generale, ambiente e sostenibilità, indigeni benessere, cultura e ricreazione. La vita economica e la prosperità erano certamente considerate importanti, ma a un livello intermedio in questa lista.

Incoraggiante, una buona maggioranza (76%) ha dichiarato che sarebbe interessata a partecipare a un programma nazionale per esprimere le proprie opinioni sugli obiettivi e le misure nazionali.

È ora di dire la tua

ANDI sta pianificando un programma comunitario su larga scala per coinvolgere gli australiani in tutta la nazione nei prossimi tre anni, con l'obiettivo di produrre rapporti sullo "status" in corso sui progressi nelle aree prioritarie della comunità chiave di 12 ogni anno.

Un simile modello in Australia potrebbe portare a una politica più perspicace ea un dibattito politico più maturo. Incoraggerebbe i cittadini a pensare al di là degli slogan politici, del tribalismo e dei politici per pianificare oltre i cicli triennali.

A più lungo termine, l'ampio coinvolgimento dei cittadini, sostenuto da ricerche e prove di elevata qualità, potrebbe aiutare a costruire una visione condivisa e ripristinare la fiducia e la democrazia. E forse allora potremmo votare sull'Australia che vogliamo.The Conversation

Circa l'autore

Mike Salvaris, Project Manager, Australian National Development Index, Senior Research Fellow, Università di Melbourne; Fiona Stanley, epidemiologa perinatale e pediatrica; illustre professore, Università dell'Australia occidentalee Kate Lycett, Senior Research Officer, Deakin University; Honorary Fellow, The University of Melbourne, Murdoch Children's Research Institute

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}