Come il lavoro organizzato può invertire i decenni di declino

Come il lavoro organizzato può invertire i decenni di declino

La contrattazione collettiva è stata a lungo uno dei punti di vendita più interessanti del lavoro organizzato.

Nella sua forma più semplice, la contrattazione collettiva coinvolge un organo organizzato di dipendenti che negozia i salari e altre condizioni di lavoro. In altre parole, i sindacati stanno dicendo: Unisciti a noi e faremo un affare con il tuo capo per una paga migliore.

Sfortunatamente, la contrattazione collettiva tradizionale non è più una strategia efficace per la crescita dei sindacati. È perché i datori di lavoro e molti stati hanno reso incredibilmente difficile per i lavoratori formare un sindacato, che è necessario affinché i lavoratori possano contrattare collettivamente.

La mia ricerca suggerisce che i sindacati dovrebbero perseguire modi alternativi di organizzazione, ad esempio concentrandosi su una più forte difesa dei lavoratori e offrendo vantaggi come l'assistenza sanitaria. Ciò aiuterebbe i sindacati a gonfiarsi di dimensioni, mettendoli in una posizione più forte per garantire e difendere i diritti di contrattazione collettiva che aiutò a costruire la classe media americana.

Perché i sindacati contano ancora

Sindacati raggiunse l'apice a metà degli 1950 quando un terzo dei lavoratori americani apparteneva a uno. Oggi, quella figura sta a solo 10.5%.

Una grande parte del problema è che i datori di lavoro hanno usato mani pesanti tattiche legali e gestionali bloccare l'organizzazione e le elezioni necessarie per formare un sindacato. E più della metà degli stati degli Stati Uniti hanno approvato le cosiddette leggi sul diritto al lavoro, che consentono ai lavoratori di un'azienda sindacalizzata di evitare il pagamento delle quote.

La posta in gioco di questa sfida è alta, non solo per i sindacati, ma per la maggior parte dei lavoratori negli Stati Uniti, perché è più debole i sindacati sono correlati con salari più bassi, benefici ridotti e maggiore disuguaglianza economica.

Milioni hanno da guadagnare da un rafforzamento del movimento operaio, da Driver Uber e Lyft nell'economia dei concerti a dipendenti a basso salario nel settore della vendita al dettaglio e dell'ospitalità. E i sondaggi mostrano che quasi la metà dei lavoratori non sindacali negli Stati Uniti dire che si uniranno a uno se potessero.

Credo che ci siano tre modelli che i sindacati tradizionali potrebbero perseguire per aggiungere membri senza fare affidamento sulla certificazione sul posto di lavoro e sulla contrattazione collettiva.

Sostenere i lavoratori

Un approccio è quello di basarsi sul successo di gruppi di difesa dei lavoratori come Combatti per $ 15 e il Alleanza nazionale dei lavoratori domestici.

La lotta per $ 15, ad esempio, ha svolto un ruolo di primo piano sostenendo gli aumenti del salario minimo in diversi stati, di recente Connecticut, mentre la National Domestic Workers Alliance aiutato a garantire il passaggio della distinta dei lavoratori domestici a New York.

Ciò che tutti hanno in comune è che si impegnano in proteste e scioperi per attirare l'attenzione pubblica sulla difficile situazione dei lavoratori sfruttati, sostenendo al contempo la giustizia economica e sociale. I sindacati, che erano soliti impegnarsi in più di questo tipo di attivismo, devono riconquistare parte di quello spirito militante.

Stabilire standard minimi

Un secondo modello prevede la spinta dei datori di lavoro a concordare un insieme minimo di standard per le indennità e le retribuzioni per fornire ai lavoratori.

The Writers Guild of America, che rappresentano sceneggiatori e altri in televisione, teatro e Hollywood, esemplificano questo modello. Ad esempio, stabiliscono livelli minimi di compensazione per specifici lavori e doveri e quindi richiedere ai membri - sia i datori di lavoro che i lavoratori - di aderirvi. È un accordo di contrattazione collettiva con una portata potenzialmente molto più ampia.

Questo perché questi accordi sono negoziati con i datori di lavoro ma riguardano anche appaltatori indipendenti che firmano. La loro forza deriva dall'organizzazione aggressiva e dalla difesa, oltre all'importanza strategica dei lavoratori che rappresentano, che esercita pressioni sui datori di lavoro affinché prendano parte e rispettino gli standard minimi.

Altri sindacati potrebbero ampliare questo approccio per incoraggiare i lavoratori di tutti i settori che hanno una rappresentanza del lavoro scarsa o assente a unirsi ai loro ranghi come membri affiliati, il che dovrebbe spingere i datori di lavoro a seguire l'esempio.

Come il lavoro organizzato può invertire i decenni di declino I sindacati hanno raggiunto il picco negli 1950. Foto AP / Sam Myers

Sindacati con benefici

Un altro approccio consiste nel concentrarsi sull'offrire vantaggi speciali ai lavoratori indipendenti in cambio di compensi.

Alcuni gruppi di lavoro lo fanno già, ma i lavoratori trarrebbero beneficio dai sindacati che uniscono il loro potere collettivo per offrire beni e servizi più fortemente scontati, come l'assistenza sanitaria, le prestazioni di invalidità e la rappresentanza legale.

Ad esempio, sebbene 375,000-forte Unione dei liberi professionisti non può negoziare sulla retribuzione, offre agli imprenditori indipendenti questo tipo di vantaggi scontati. Invece di addebitare quote, addebita commissioni per i suoi benefici, essenzialmente operando come propria compagnia assicurativa. Sostiene inoltre cambiamenti nelle politiche pubbliche che proteggono i liberi professionisti dallo sfruttamento, come quello di New York Legge sulla protezione dei salari freelance di 2010.

Questo modello è probabilmente l'approccio che più probabilmente riuscirà ad attirare un gran numero di nuovi membri. La crescente economia dei concerti e le industrie a basso salario come il fast food sono due aree che potrebbero beneficiare di questo tipo di entità collettive.

Il fine gioco

Idealmente, i sindacati dovrebbero abbracciare tutti e tre questi modelli, offrendo vantaggi scontati a tutti i lavoratori interessati ad aderire, lottando per standard minimi in tutti i settori e ponendo al centro la difesa dei lavoratori. Allargando i modi in cui i lavoratori possono unirsi e ciò che offrono, i sindacati diventeranno più forti e più vicini alle persone e alle comunità che dovrebbero rappresentare.

Ma questi modelli non intendono affatto soppiantare il tradizionale ruolo di contrattazione collettiva del lavoro organizzato. Il mio punto è che i sindacati dovrebbero rompere la fissazione della camicia di forza sulla contrattazione tradizionale e utilizzare modelli alternativi come passaggi intermedi per raggiungere l'obiettivo finale di unire più posti di lavoro al fine di negoziare accordi di contrattazione collettiva per conto dei lavoratori.

Per arrivarci, però, i sindacati devono mobilitare una massa critica di lavoratori. Solo allora spezzeranno la dinamica del declino del lavoro.

Circa l'autore

Marick Masters, professore di economia e professore a contratto di scienze politiche, Wayne State University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}