Quando le grandi aziende finanziano la ricerca accademica, la verità viene spesso per ultima

Quando le grandi aziende finanziano la ricerca accademica, la verità viene spesso per ultima
I finanziatori del settore possono fare di tutto per sopprimere i risultati della ricerca accademica quando non è favorevole all'azienda. shutterstock.com

Negli ultimi due decenni, finanziamenti del settore per la ricerca medica è aumentato a livello globale, mentre sono diminuiti i finanziamenti pubblici e senza scopo di lucro. Con 2011, i finanziamenti del settore, rispetto alle fonti pubbliche, hanno rappresentato i due terzi della ricerca medica in tutto il mondo.

Finanziamenti per la ricerca di altre industrie stanno aumentando anche aziende alimentari, chimiche, minerarie, informatiche e automobilistiche. E di conseguenza, la libertà accademica soffre.

Gli sponsor del settore sopprimono la pubblicazione

Un accademico di carriera ha recentemente chiesto il mio consiglio sulla sua ricerca finanziata dal settore. Secondo il contratto di finanziamento - che è stato firmato dal suo supervisore - non sarebbe in grado di pubblicare i risultati della sua sperimentazione clinica.

Un altro ricercatore, uno studente di dottorato, ha chiesto aiuto per la sua tesi. Il suo lavoro rientra nell'ambito del contratto di finanziamento della ricerca del suo supervisore di dottorato con una società. Questo accordo ha impedito la pubblicazione di qualsiasi lavoro ritenuto in confidenza commerciale dal finanziatore del settore. Pertanto, non le sarà permesso di presentare i documenti per soddisfare i suoi requisiti di tesi.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Mi imbatto spesso in storie del genere e hanno tutte una cosa in comune. Le pubblicazioni bloccate presentano i prodotti delle società sponsor in modo sfavorevole. Mentre il diritto alla pubblicazione è un pilastro della libertà accademica, i contratti di ricerca spesso includono clausole che danno al finanziatore l'ultima parola sull'opportunità di pubblicare la ricerca.

I ricercatori all'inizio della carriera sono particolarmente vulnerabili alle restrizioni di pubblicazione quando le aziende finanziano la loro ricerca. La pubblicazione scientifica è vitale per il loro avanzamento di carriera, ma i loro supervisori possono controllare le relazioni del gruppo di ricerca con l'industria.

Quando le grandi aziende finanziano la ricerca accademica, la verità viene spesso per ultima
Uno studio ha scoperto che i farmaci generici erano della stessa qualità dei farmaci di marca, il che ha portato l'azienda farmaceutica a fare di tutto per sopprimere i risultati. shutterstock.com

I ricercatori senior possono anche essere vulnerabili all'industria che reprime la loro ricerca. Negli 1980, a società farmaceutica finanziata un ricercatore per confrontare il farmaco tiroideo del loro marchio con le sue controparti generiche. Il ricercatore ha scoperto che i generici erano buoni quanto i prodotti di marca.

Il finanziatore ha quindi fatto di tutto per sopprimere la pubblicazione delle sue scoperte, incluso intraprendere azioni legali contro lei e la sua università.

E c'è poca supervisione istituzionale. UN Lo studio 2018 lo ha scoperto, tra le istituzioni accademiche 127 negli Stati Uniti, solo un terzo ha richiesto alla propria facoltà di presentare accordi di consulenza per la ricerca per la revisione da parte dell'istituzione.

E il 35% delle istituzioni accademiche non ha ritenuto necessario che l'istituzione rivedesse tali accordi. In occasione della revisione degli accordi di consulenza, solo il 23% delle istituzioni accademiche ha esaminato i diritti di pubblicazione. E solo 19% ha cercato disposizioni in materia di riservatezza inadeguate, come vietare la comunicazione su qualsiasi aspetto del lavoro finanziato.

Gli sponsor del settore manipolano le prove

La definizione di libertà accademica si riduce alla libertà di indagine, indagine, ricerca, espressione e pubblicazione (o diffusione).

Documenti interni del settore ottenuti tramite contenzioso hanno rivelato molti esempi di sponsor del settore che influenzano la progettazione e lo svolgimento della ricerca, nonché il pubblicazione parziale della ricerca dove sono stati pubblicati solo i risultati favorevoli al finanziatore.

Ad esempio, in 1981 un influente Studio giapponese ha mostrato un'associazione tra fumo passivo e cancro ai polmoni. Ha concluso che le mogli di forti fumatori avevano fino al doppio del rischio di sviluppare il cancro ai polmoni rispetto alle mogli dei non fumatori e che il rischio era correlato alla dose.

Le compagnie del tabacco allora ricercatori accademici finanziati per creare uno studio che confuterebbe questi risultati. Le compagnie del tabacco sono state coinvolte in ogni fase del lavoro finanziato, ma hanno tenuto nascosto il loro coinvolgimento per decenni. Hanno incorniciato le domande di ricerca, progettato lo studio, raccolto e fornito dati e scritto la pubblicazione finale.

Quando le grandi aziende finanziano la ricerca accademica, la verità viene spesso per ultima
Le compagnie del tabacco hanno avviato il proprio studio per confutare i risultati del danno del fumo passivo. shutterstock.com

Questa pubblicazione è stata usata come "prova" che il fumo di tabacco non è dannoso. Ha concluso che non c'erano prove dirette che l'esposizione passiva al fumo aumentasse il rischio di cancro ai polmoni. L'industria del tabacco citato lo studio nei documenti governativi e normativi per confutare i dati indipendenti sui danni del fumo passivo.

Gli sponsor del settore influenzano le agende di ricerca

La più grande minaccia alla libertà accademica potrebbe essere l'influenza che i finanziatori del settore hanno sulla prima fase del processo di ricerca: stabilire programmi di ricerca. Ciò significa che gli sponsor del settore ottengono un controllo senza precedenti sulle domande di ricerca che vengono studiate.

Abbiamo recentemente studi di ricerca rivisti che ha esaminato l'influenza dell'azienda sull'agenda di ricerca. Abbiamo scoperto che i finanziamenti del settore spingono i ricercatori a studiare domande che mirano a massimizzare i benefici e minimizzare i danni ai loro prodotti, distrarre da ricerche indipendenti sfavorevoli, ridurre la regolamentazione dei loro prodotti e supportare le loro posizioni legali e politiche.

Quando le grandi aziende finanziano la ricerca accademica, la verità viene spesso per ultima
L'industria dello zucchero ha finanziato i ricercatori universitari per trovare prove che avrebbero spostato la colpa delle malattie cardiache dallo zucchero al grasso. shutterstock.com

In un altro esempio relativo al tabacco, tre società produttrici di tabacco hanno creato e finanziato The Centro per la ricerca dell'aria interna ciò condurrebbe la ricerca per "distrarre" dalle prove per i danni del fumo passivo. Durante gli 1990, questo centro ha finanziato dozzine di progetti di ricerca che suggerivano che i componenti dell'aria interna, come i gas di scarico dei tappeti o i filtri dell'aria sporchi, fossero più dannosi del tabacco.

L'industria dello zucchero ha anche tentato di spostare l'attenzione dalle prove che dimostrano un'associazione tra zucchero e malattie cardiache. Era rivelato solo di recente che, negli 1960, l'industria dello zucchero ha pagato gli scienziati dell'Università di Harvard per ridurre al minimo il legame tra zucchero e malattie cardiache e spostare la colpa dallo zucchero al grasso come responsabile dell'epidemia di malattie cardiache

Gli autori dell'articolo hanno suggerito che molte delle raccomandazioni dietetiche di oggi potrebbero essere state in gran parte modellate dall'industria dello zucchero. E da allora alcuni esperti si sono chiesti se tale disinformazione possa aver portato crisi dell'obesità di oggi.

Coca-Cola e Marte hanno anche finanziato la ricerca universitaria sull'attività fisica per distogliere l'attenzione dall'associazione dei loro prodotti con l'obesità.

Come proteggiamo la libertà accademica?

In un clima in cui le relazioni tra università e industria sono incoraggiate e i finanziamenti dell'industria per la ricerca continuano a crescere, gli accademici devono difendersi dalle minacce alla libertà accademica poste dal sostegno dell'industria.

La libertà accademica significa che i finanziamenti del settore non devono avere alcun vincolo. I ricercatori devono chiedersi se accettare i finanziamenti del settore contribuisce alla missione di scoprire nuove conoscenze o ad un'agenda di ricerca del settore volta ad aumentare i profitti.

I governi o i consorzi indipendenti di più finanziatori, compresi i governi e l'industria, devono garantire il sostegno alla ricerca che soddisfi le esigenze del pubblico.

Quando la ricerca è supportata dall'industria, i finanziatori non devono dettare la progettazione, lo svolgimento o la pubblicazione della ricerca. Molte università hanno e applicano politiche che impediscono tali restrizioni, ma ciò non è universale. La scienza aperta, compresa la pubblicazione di protocolli e dati, può esporre interferenze del settore nella ricerca.

Gli scienziati non dovrebbero mai firmare, o lasciare firmare la propria istituzione, un accordo che dia a un finanziatore il potere di impedire la diffusione dei risultati della ricerca. Le università e le riviste scientifiche devono proteggere i ricercatori emergenti e supportare tutti gli accademici nel difendere l'influenza dell'industria e nel preservare la libertà accademica.

Circa l'autore

Lisa Bero, Professore di cattedra, Università di Sydney

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}