Come rendere il tuo shopping online più rispettoso dell'ambiente

Come rendere il tuo shopping online più rispettoso dell'ambiente
Shutterstock / grapestock

Lo shopping online continua a crescere a un ritmo fenomenale. In 2018, il valore di mercato della vendita al dettaglio nel Regno Unito era 381 £ miliardi di cui sono costituite transazioni online quasi un quinto. Sono £ 12.3 miliardi di articoli alimentari e £ 58.8 miliardi di tutti gli articoli non alimentari acquistati online.

Come con quasi tutte le attività umane, questo comportamento ha un impatto significativo sull'ambiente. Lo shopping online utilizza tonnellate di imballaggi (usi generali al dettaglio britannici 59 miliardi di pezzi di plastica ogni anno) e un gran numero di inquinamento dell'aria consegne giornaliere sulle strade.

Tuttavia, ci sono modi in cui rivenditori e consumatori possono utilizzare la consegna a domicilio per ridurre l'impatto ambientale delle nostre abitudini di acquisto.

Fai la spesa online, attualmente dominato nel Regno Unito dai grandi nomi di Tesco (42.8% quota di mercato), Asda (18.41%), Ocado (16.16%) e Sainsbury's (14.09%). Queste grandi organizzazioni dispongono di risorse sufficienti per investire nei veicoli più puliti a emissioni zero (prevalentemente elettrici) per il loro servizio di consegna a domicilio.

I viaggi che questi veicoli compiono verso le case dei clienti probabilmente presenteranno un'impronta di carbonio molto più piccola rispetto a quando quei clienti andavano al supermercato. Anche la consegna a più clienti nel corso di un viaggio riduce significativamente il numero totale di viaggi richiesti.

Anche la grande varietà di slot di consegna resi disponibili dai rivenditori, insieme a un numero crescente di clienti come la popolarità della consegna a domicilio cresce. Tutti questi fattori consentono ai rivenditori di ottimizzare i percorsi di consegna e ridurre il loro impatto ambientale.

Per la consegna a domicilio non alimentare, tuttavia, la fase finale della consegna al cliente spesso non è gestita direttamente dai rivenditori, ma affidata a corrieri indipendenti. Questa natura frammentata della fornitura di servizi "ultimo miglio" significa che è meno probabile che si verifichino gli stessi investimenti in veicoli a basse emissioni. In effetti, molti corrieri sono lavoratori autonomi, che utilizzano i loro veicoli personali per consegnare i pacchi.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Le consegne online non alimentari richiedono inoltre che ogni articolo non sia solo imballato individualmente, ma anche protetto da un imballaggio aggiuntivo per evitare danni durante il trasporto.

Consegna senza indugio

Un'altra tendenza che ha un grande impatto sull'ambiente è l'offerta di consegne il giorno successivo (e anche lo stesso giorno). Per gli articoli non alimentari, ciò significa disporre sempre di scorte disponibili, che richiedono più spazio per conservarlo e più energia per immagazzinarlo e spostarlo. Dal punto di vista del cibo fresco, l'offerta di disponibilità costante risulta aumentata livelli di spreco alimentare.

Inoltre, al fine di soddisfare tali requisiti di consegna rapida, sono necessari veicoli aggiuntivi per garantire tale consegna rapida, spesso in veicoli che sono caricati solo parzialmente.

Un altro punto da considerare è che le consegne online non sostituiscono necessariamente i nostri viaggi verso i negozi, con conseguente aumento dell'impronta netta di carbonio. E ricerca indica che i ritorni dagli acquisti online sono significativamente maggiori degli acquisti nei negozi, con conseguente aumento dei livelli di rifiuti e maggiore trasporto.

Tuttavia ci sono scelte che i consumatori possono fare per ridurre l'impatto delle loro decisioni di acquisto sull'ambiente.

Opzioni più ecologiche

Quando esistono brevi distanze (meno di 3km, diciamo) tra acquirente e rivenditore, è vantaggioso per l'ambiente fare acquisti in negozio. È solo quando sono necessarie consegne più lunghe che la consegna online diventa un'opzione più ecologica.

Laddove possibile, i clienti che desiderano beneficiare di un'esperienza di shopping online dovrebbero optare per l'opzione clicca e raccogli per ritirare in negozio, riducendo le esigenze logistiche del fornitore.

Le cassette degli armadietti, dove ritirate la consegna da un armadietto sicuro, offrono un buon compromesso tra maggiore praticità e riduzione dell'impatto ambientale. Un'ulteriore iniziativa ecologica dell'ultimo miglio è quella del crowdsourcing, in cui i membri del pubblico consegnano i pacchetti come parte del loro viaggio pianificato per una piccola tassa.

Dal punto di vista del packaging, sempre più rivenditori offrono ora opzioni senza sacchetto o alternative ai sacchetti di plastica. I consumatori attenti all'ambiente dovrebbero cercare i rivenditori che offrono queste opzioni.

Come rendere il tuo shopping online più rispettoso dell'ambiente
Un'opzione verde?
Shutterstock / Jevanto Productions

Incoraggiante, i rivenditori sono ben consapevoli di tutte queste sfide - e molti stanno lavorando sodo per affrontare le questioni ambientali. Vi è un maggiore utilizzo di imballaggi biodegradabili lungo tutta la catena di approvvigionamento e maggiore attenzione alla "chiusura del ciclo" - dove i rivenditori si stanno assumendo la responsabilità per il riutilizzo e il riciclaggio dei prodotti.

Ma ci sono elementi dell'attuale approccio allo shopping online che semplicemente non sono sostenibili. Questi devono essere affrontati con urgenza per far fronte alle sfide globali relative alla qualità dell'aria e al riscaldamento globale. Nel complesso, la sostenibilità ambientale del mercato al dettaglio è un enigma complesso. Ma le semplici scelte dei consumatori possono fare molto per rendere più ecologico il nostro modo di fare acquisti.The Conversation

Informazioni sugli autori

Stuart Milligan, Direttore accademico di approvvigionamento, logistica e gestione della catena di approvvigionamento, University of South Wales e Baris Yalabik, Docente senior in Operations e Supply Management, Università di Bath

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}