Abbiamo gli strumenti e la tecnologia per lavorare di meno e vivere meglio

Abbiamo gli strumenti e la tecnologia per lavorare di meno e vivere meglio
Catena di montaggio radio Atwater Kent, Filadelfia, 1925. Foto per gentile concessione della Library of Congress

In 1930, un anno dopo la Grande Depressione, John Maynard Keynes si sedette per scrivere sulle possibilità economiche dei suoi nipoti. Nonostante l'oscurità diffusa quando l'ordine economico globale è caduto in ginocchio, l'economista britannico è rimasto ottimista, dicendo che la "depressione mondiale prevalente ... ci rende ciechi a ciò che sta accadendo sotto la superficie". Nel suo Tema, ha predetto che tra 100 anni, ovvero 2030, la società sarebbe progredita così tanto che a malapena avremmo avuto bisogno di lavorare. Il problema principale che devono affrontare paesi come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti sarebbe la noia, e le persone potrebbero dover razionalizzare il lavoro in "turni di tre ore o una settimana di 15 [per] rimandare il problema". A prima vista, Keynes sembra aver fatto un lavoro doloroso nel predire il futuro. In 1930, il lavoratore medio negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia e in Giappone ha trascorso da 45 a 48 ore di lavoro. Oggi questo è ancora in aumento di 38 ore.

Keynes ha una statura leggendaria come uno dei padri dell'economia moderna - responsabile di gran parte del nostro modo di pensare alla politica monetaria e fiscale. È anche famoso per la sua battuta sugli economisti che si occupano solo di previsioni a lungo termine: "Nel lungo periodo, siamo tutti morti". E la sua previsione della settimana lavorativa dell'ora 15 avrebbe potuto essere più in linea di quanto sembri.

Se volessimo produrre tanto quanto i connazionali di Keynes negli 1930, non avremmo bisogno che tutti lavorassero anche 15 ore alla settimana. Se ti adegui per aumentare la produttività del lavoro, potrebbe essere fatto in sette o otto ore, 10 in Giappone (vedi grafico sotto). Questi aumenti della produttività derivano da un secolo di automazione e progressi tecnologici: ci consentono di produrre più prodotti con meno manodopera. In questo senso, i paesi sviluppati moderni hanno superato di gran lunga la previsione di Keynes: dobbiamo lavorare solo la metà delle ore che ha previsto per adattarsi al suo stile di vita.

Abbiamo gli strumenti e la tecnologia per lavorare di meno e vivere meglio
Ore settimanali di lavoro necessarie, per lavoratore, per abbinare la produzione del lavoratore britannico medio in 1930.

I progressi negli ultimi anni di 90 sono evidenti non solo quando si considera l'efficienza sul posto di lavoro, ma anche quando si tiene conto di quanto tempo libero ci godiamo. Innanzitutto considera la pensione: un accordo con te stesso per lavorare sodo mentre sei giovane e goderti il ​​tempo libero quando sei più grande. In 1930, la maggior parte delle persone non ha mai raggiunto l'età pensionabile, semplicemente lavorando fino alla morte. Oggi le persone vivono ben oltre la pensione, vivendo un terzo della loro vita senza lavoro. Se prendi il lavoro che facciamo mentre siamo giovani e lo diffondi per tutta la vita di un adulto, funziona a meno di 25 ore alla settimana. C'è un secondo fattore che aumenta la quantità di tempo libero di cui godiamo: una riduzione dei lavori domestici. L'ubiquità di lavatrici, aspirapolvere e forni a microonde significa che la famiglia americana media fa quasi 30 ore in meno di lavori domestici alla settimana rispetto agli 1930. Queste ore 30 non sono tutte convertite in puro svago. In effetti, una parte di esso è stata convertita in lavoro regolare, poiché un numero sempre maggiore di donne - che si assumono la maggior parte del lavoro domestico non retribuito - è passato alla forza lavoro retribuita. L'importante è che, grazie ai progressi in termini di produttività ed efficienza, tutti abbiamo ancora di più controllo su come trascorriamo il nostro tempo.

Quindi, se le economie avanzate di oggi hanno raggiunto (o addirittura superato) il punto di produttività previsto da Keynes, perché le settimane da 30 a 40 sono ancora standard nei luoghi di lavoro? E perché non sembra che sia cambiato molto? Questa è una domanda sia sulla natura umana - le nostre aspettative sempre crescenti di una buona vita - sia sul modo in cui il lavoro è strutturato tra le società.

Pl'arte della risposta è l'inflazione del modo di vivere: gli umani hanno un appetito insaziabile di più. Keynes parlava di risolvere "il problema economico, la lotta per la sussistenza", ma poche persone avrebbero scelto di accontentarsi di una semplice sussistenza. Gli umani vivono su un tapis roulant edonico: vogliamo sempre di più. I ricchi occidentali potrebbero facilmente lavorare 15 ore alla settimana se rinunciamo alle trappole della vita moderna: vestiti nuovi e Netflix e vacanze all'estero. Questo può sembrare banale quando parliamo di beni di consumo, ma le nostre vite sono migliori anche in molte altre dimensioni importanti. La stessa logica che si applica a Netflix si applica anche a vaccini, frigoriferi, energie rinnovabili e spazzolini da denti a prezzi accessibili. A livello globale, le persone godono di uno standard di vita molto più elevato rispetto a 1930 (e da nessuna parte questo è più vero che nei paesi occidentali di cui Keynes ha scritto). Non saremmo contenti di una buona vita secondo gli standard dei nostri nonni.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Abbiamo anche più persone che lavorano in lavori che sono diversi passaggi rimossi dalla produzione di sussistenza. Man mano che le economie diventano più produttive, l'occupazione passa dall'agricoltura e dalla produzione alle industrie di servizi. Grazie ai progressi tecnologici e di produttività, possiamo far fronte a tutte le nostre esigenze di sussistenza con pochissima manodopera, liberandoci per altre cose. Molte persone oggi lavorano come consulenti per la salute mentale, artisti degli effetti visivi, ragionieri, vlogger - e tutti fanno un lavoro che non è richiesto per la sussistenza. Il saggio di Keynes sostiene che in futuro più persone saranno in grado di perseguire "le arti della vita e le attività di scopo", definendo implicitamente queste attività come separate dal mondo umile del lavoro di sussistenza. In realtà, il mondo del lavoro si è semplicemente ampliato per includere più attività - come il lavoro di cura, l'arte e il servizio clienti - che non hanno avuto un ruolo significativo nella stima di Keynes di risolvere il problema della sussistenza economica.

Infine, la disuguaglianza sociale persistente aiuta anche a persistere la settimana 40. Molte persone devono lavorare da 30- a 40 ore settimanali semplicemente per cavarsela. Come società, nel complesso, siamo in grado di produrre abbastanza per tutti. Ma a meno che la distribuzione della ricchezza non diventi più equa, pochissime persone possono permettersi di ridurre a una settimana lavorativa di 15 ore. In alcuni paesi, come gli Stati Uniti, il legame tra produttività e retribuzione si è interrotto: i recenti aumenti della produttività avvantaggiano solo il livello più alto della società. Nel suo saggio, Keynes aveva predetto il contrario: livellamento ed equalizzazione, in cui le persone avrebbero lavorato per garantire che i bisogni degli altri fossero soddisfatti. In un certo senso, puoi vederlo nelle reti di sicurezza sociale che non esistevano in 1930. Programmi come la sicurezza sociale e l'edilizia popolare aiutano le persone a superare il livello basso del "problema economico" della sussistenza di base, ma sono insufficienti a sollevare adeguatamente le persone dalla povertà e insufficienti a soddisfare l'ideale di Keynes di offrire a tutti una buona vita.

Nel suo saggio, Keynes disprezzava alcune delle tendenze fondamentali del capitalismo, definendo il motivo del denaro "una morbilità in qualche modo disgustosa" e lamentando che "abbiamo esaltato alcune delle più sgradevoli qualità umane". Naturalmente, queste qualità umane - "avarizia, usura e precauzione" - fanno avanzare il progresso. E lottare per il progresso non è una cosa negativa: anche Keynes ha riconosciuto che queste tendenze sono necessarie per "guidarci fuori dal tunnel della necessità economica". Ma ad un certo punto dovremmo guardare indietro per vedere fino a che punto siamo arrivati. Keynes aveva ragione sugli incredibili progressi che avrebbero goduto i suoi nipoti, ma sbagliato su come ciò avrebbe cambiato gli schemi generali di lavoro e distribuzione, che rimangono ostinatamente fissi. Non deve essere così.

Nei paesi sviluppati, almeno, disponiamo della tecnologia e degli strumenti per consentire a tutti di lavorare di meno e di vivere ancora vite estremamente prospere, se solo strutturiamo il nostro lavoro e la nostra società verso tale obiettivo. Le discussioni odierne sul futuro del lavoro finiscono rapidamente in fantasiose previsioni di automazione totale. Più probabilmente, continueranno a esserci nuovi e vari lavori per riempire una settimana lavorativa di cinque giorni. E così le discussioni di oggi devono andare oltre il vecchio punto sulle meraviglie della tecnologia e chiedersi veramente: a cosa serve? Senza una concezione di una buona vita, senza un modo per distinguere il progresso che è importante da quello che ci tiene sul tapis roulant edonico, la nostra inerzia collettiva significherà che non raggiungeremo mai la settimana lavorativa di 15 dell'ora di Keynes.Contatore Aeon: non rimuovere

Circa l'autore

Toby Phillips è responsabile della ricerca e della politica presso la Pathways for Prosperity Commission, presso la Blavatnik School of Government dell'Università di Oxford

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Eone ed è stato ripubblicato sotto Creative Commons.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}