3 Ragioni per cui gli agricoltori del Midwest feriti dalla guerra commerciale USA-Cina sostengono ancora Trump

3 Ragioni per cui gli agricoltori del Midwest feriti dalla guerra commerciale USA-Cina sostengono ancora Trump
È tempo di raccolta. Foto AP / Charlie Riedel

I contadini d'America hanno sopportato il peso della rappresaglia della Cina nella guerra commerciale che il presidente Donald Trump lanciato nel 2018.

Una ragione: la Cina è la più grande acquirente di molti prodotti agricoli statunitensi, come ad esempio pelli di soia, sorgo di grano, cotone e pelli bovine, che ha reso questi prodotti un obiettivo ovvio per le tariffe di ritorsione.

L'altro motivo correlato è più strategico: la Cina sperava di infliggere costi economici agli agricoltori statunitensi - chi votato in modo schiacciante per Trump in 2016 - sarebbe a sua volta fare pressione sul presidente per porre fine alla sua guerra commerciale.

Sebbene agricoltori hanno perso miliardi di dollari nelle esportazioni, la strategia della Cina non ha creato l'effetto desiderato, con indagini sugli agricoltori continuando a mostrare un forte sostegno per il presidente.

Abbiamo condotto il nostro sondaggio sugli agricoltori di mais e soia. Pubblicato in ottobre 2019, suggerisce tre motivi per cui gli agricoltori sostengono le politiche commerciali di Trump nonostante i costi.

Allevia il dolore

Indubbiamente, la rappresaglia della Cina tariffe su quasi tutte le esportazioni agricole statunitensi, in particolare i semi di soia, i cereali per l'alimentazione e i prodotti suini, sono stati dolorosi per gli agricoltori.

La Cina ha acquistato ovunque Da $ 20 a $ 26 miliardi di prodotti agricoli statunitensi all'anno da 2012 a 2017. Acquisti cinesi precipitato a $ 9.2 miliardi in 2018 e quest'anno sono ad un ritmo leggermente più elevato. Esportazioni di soia da sole è caduto 75% da 2017 a 2018.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Oltre il 80% degli agricoltori 693 Iowa, Illinois e Minnesota intervistati da febbraio a giugno ha dichiarato che le interruzioni del commercio hanno avuto un effetto negativo sul reddito netto dell'azienda agricola in 2018. Quasi un terzo ha riferito che il loro reddito è diminuito di oltre il 20%.

Ma gli sforzi dell'amministrazione Trump per alleviare il loro dolore sono stati ripagati. L'amministrazione ha fornito soia, sorgo e altri agricoltori $ 12 miliardi in assistenza in 2018, che la stragrande maggioranza dei nostri partecipanti al sondaggio ha trovato utile. Il sondaggio è stato condotto prima di un ulteriori $ 16 miliardi di pagamenti è andato agli agricoltori quest'anno, sia per compensare le perdite commerciali che gli effetti di troppa pioggia.

Guadagni a lungo termine

Abbiamo anche scoperto che gli agricoltori considerano ampiamente l'interruzione del commercio come una sofferenza a breve termine per un guadagno a lungo termine.

Mentre solo l'14% ritiene che le loro attività agricole staranno meglio finanziariamente tra un anno, più della metà ha dichiarato di aspettarsi che qualcosa di buono alla fine uscirà dalla guerra commerciale. E circa l'44% ha dichiarato di ritenere che l'economia americana sarà più forte tra tre anni. La decisione cinese 2017 di consentire importazioni di carne bovina americana e le sue Mandato nazionale sull'etanolo 2020 anche dare agli agricoltori la speranza di nuove opportunità di esportazione.

In altre parole, la maggior parte degli agricoltori è pronta a sacrificare le entrate per un po 'sulla convinzione che le compenseranno lungo la strada. Da l'agricoltura è un'industria altamente ciclica, questa visione ottimistica è comprensibile.

In effetti, le esportazioni agricole statunitensi in Cina quest'anno sono rimbalzate un po 'rispetto a un anno fa, grazie alla recente Cina esenzioni delle tariffe negli Stati Uniti semi di soia e prodotti di maiale.

Frustrazione per la Cina

Alla fine, abbiamo riscontrato una crescente frustrazione per il comportamento di acquisto irregolare della Cina.

Ad esempio, la Cina ha escluso la carne bovina americana per anni 14 a causa di una paura mucca matta in 2003, mantenendo il divieto più di un decennio dopo altri paesi come Giappone e Corea del Sud sollevato il loro.

Acquisto cinese di prodotti come distillatori di cereali or mais a volte scompaiono e basta. Questi potrebbero essere stati derivati ​​da adeguamenti che la Cina ha fatto ai suoi politica di sostegno per il maisma, dal punto di vista degli agricoltori statunitensi, la domanda cinese di alcuni prodotti agricoli statunitensi è stata fastidiosamente incoerente.

Sebbene non abbiamo posto ai partecipanti al sondaggio una domanda specifica su questo argomento, molti agricoltori hanno fornito i loro commenti non richiesti che hanno espresso questa frustrazione.

"I cinesi non rispettano le regole", ha detto un agricoltore dell'Illinois. "Annullano gli ordini di spedizione che non sono a loro favore. Continuano a rubare i nostri brevetti. Solo il presidente Trump ha cercato di fermare queste pratiche commerciali sleali ".

O come ha spiegato un agricoltore del Minnesota: “La Cina ha imposto le tariffe e si è rifiutata di acquistare semi di soia nel tentativo di ferire la nostra agricoltura e farci rivoltare contro un presidente che non vogliono. Hanno rubato tecnologia e posti di lavoro per troppo tempo e ci hanno restituito beni inferiori. Prima di ciò, hanno manipolato i nostri mercati acquistando e quindi annullando o rifiutando le spedizioni di grano. "

La possibilità di sollievo

Il nostro sondaggio ha mostrato che la maggior parte degli agricoltori riconosce che continueranno a essere le maggiori vittime della guerra commerciale USA-Cina e probabilmente perderanno i mercati - alcuni in modo permanente - poiché La Cina si diversifica dai produttori americani.

Come ha affermato un agricoltore dell'Illinois che era meno favorevole alle tariffe, "non siamo l'unico gioco in città". Le esportazioni agricole statunitensi dovranno far fronte alla crescente concorrenza di Brasile sui semi di soia e di Europa e Australia sulla carne.

Tuttavia, l'56% ha ancora affermato di aver sostenuto l'imposizione di tariffe sui prodotti cinesi, mentre solo l'30% si è opposto.

Le ultime notizie secondo cui la Cina e gli Stati Uniti sono pronti a firmare la "prima fase" di un possibile accordo commerciale globale - che comporta La Cina si impegna a comprare Da $ 40 a $ 50 miliardi di prodotti agricoli statunitensi - offre la possibilità di soccorsi per gli agricoltori. E così, dirigendosi verso un anno elettorale, probabilmente rafforzerà il sostegno a Trump e alle sue politiche commerciali a favore delle armi.The Conversation

Informazioni sugli autori

Wendong Zhang, Assistente Professore di Economia, Iowa State University; Lulu Rodriguez, Global Program Lead, Seed Science Center, Iowa State University, e Shuyang Qu, Assistente alla comunicazione agricola, Iowa State University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}