Coronavirus potrebbe davvero innescare una recessione?

Coronavirus potrebbe davvero innescare una recessione? Il coronavirus sembra essere in rotta di collisione con l'economia americana e il suo mercato toro di 12 anni. AP Photo / Ng Han Guan

Crescono le paure che il nuovo coronavirus infetterà l'economia americana.

Un importante indice del mercato azionario statunitense pubblicato il suo più grande calo di due giorni registrato, cancellando tutti i guadagni dei due mesi precedenti; aziende come Apple e Walmart hanno avvertito delle potenziali perdite di vendita di COVID-19 e dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie ha detto agli americani di prepararsi che l'epidemia si diffondesse negli Stati Uniti, con conseguenze sconosciute ma potenzialmente "cattive".

Ultimamente, molte persone mi hanno chiesto, come un economista, una domanda che non ho sentito da anni: un virus potrebbe davvero mandare in recessione le economie globali e statunitensi - o peggio? In altre parole, COVID-19 scatenerà un tracollo economico?

Coronavirus potrebbe davvero innescare una recessione? L'Auditorium municipale di Oakland fu utilizzato come ospedale temporaneo durante la pandemia del 1918, che infettò 1 persona su 3. Underwood Archives / Getty Images

Cosa può fare un virus

La preoccupazione è comprensibile; i virus sono cose spaventose. Ho letto la mia parte di thriller medici basati su alcuni nuovi virus diffusi in tutto il mondo uccidendo milioni, distruggendo le imprese e quasi mettendo fine alla civiltà fino a quando gli eroi, super o no, la contengano all'ultimo minuto.

Mentre queste sono opere di finzione, dobbiamo solo guardare indietro di 100 anni per trovare un vero esempio di cosa può fare un virus non controllato.

Il Pandemia di influenza del 1918-1919, noto anche come influenza spagnola, ucciso almeno 50 milioni di persone in tutto il mondo, con alcune stime che indicano il numero alto quanto 100 milioni. Negli Stati Uniti, quasi 1 persona su 3 è stata infettata e 500,000 sono morti. Anche per coloro che sono sopravvissuti, ci sono stati numerosi casi di disabilità fisica a lungo termine.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Fortunatamente, gli effetti economici negativi furono di breve durata. Con il mondo più mobile e interconnesso di oggi, tuttavia, alcuni suggeriscono una pandemia su larga scala sarebbe molto più grave, con costi in trilioni.

Fino ad oggi, i decessi per coronavirus sono stati molto piccoli, per un totale di poco più di 2,700 in tutto il mondo, su oltre 80,000 casi noti - o solo circa il 3.4%. Quasi tutte le morti sono state in Cina, dove il virus è stato rilevato per la prima volta. Le azioni rapide per mettere in quarantena individui infetti hanno probabilmente limitato la diffusione.

Tuttavia, anche se i tassi di mortalità sono relativamente bassi, l'economia può ancora soffrire. Questi impatti economici verrebbero probabilmente in quattro forme: carenza di prodotti dalla Cina, riduzione delle vendite in Cina, calo delle spese dei consumatori basato sui timori per il virus e sulla caduta dei prezzi delle azioni.

Consentitemi di valutare il potenziale impatto di ciascuno, ma tenete presente che sono tutti interconnessi e una caduta in uno solo può influenzare gli altri.

Mancanza di prodotti

Il Gli Stati Uniti importano oltre 500 miliardi di dollari di prodotti ogni anno dalla Cina, da smartphone e televisori a abbigliamento e parti di macchine. Le persone malate in Cina non possono lavorare, il che significa che non possono fabbricare prodotti. La chiusura di parti del paese da altre aree limita anche la produzione.

La ridotta disponibilità di prodotti cinesi potrebbe rallentare alcuni segmenti dell'economia degli Stati Uniti, con le industrie informatiche ed elettroniche le più vulnerabili. Ad esempio, molti smartphone venduti negli Stati Uniti sono assemblati in Cina. Sebbene i rivenditori statunitensi abbiano un inventario, probabilmente la carenza apparirà se la pandemia persiste.

Gli americani stanno già iniziando a vedere alcuni impatti: ad esempio, in carenza di dozzine di droghe e altri prodotti medici e tempi di attesa più lunghi per una varietà di prodotti come biciclette e giochi da tavolo.

È troppo presto per dire quanto diventerà grave, ma la dipendenza delle catene di approvvigionamento statunitensi dalla Cina è una delle maggiori preoccupazioni. Mostra come qualcosa come il coronavirus potrebbe diventare un grosso problema nell'economia moderna.

Le vendite potrebbero subire un colpo

Il rovescio della medaglia, Le società statunitensi vendono oltre 100 miliardi di dollari di prodotti in Cina ogni anno, con la più importante tecnologia come chip per computer e prodotti agricoli come i semi di soia.

Questi settori hanno già subito un colpo alle tariffe imposte dalla Cina durante il Guerra commerciale USA-Cina degli ultimi due anni. Il recente disgelo nel conflitto - e a accordo limitato con la Cina - aveva creato ottimismo per le fabbriche e le fattorie statunitensi che aumentavano le vendite dietro l'angolo.

Quell'angolo potrebbe essere più difficile da raggiungere a causa dell'epidemia di coronavirus e il suo impatto significativo sull'economia cinese. Altre aziende statunitensi ora sono preoccupanti sulle loro vendite in Cina di conseguenza.

I consumatori continuano a spendere

In definitiva, più che altro, la spesa dei consumatori guida l'economia americana, pari a circa il 70% di crescita. Gli economisti, i responsabili delle politiche e gli operatori monitoreranno attentamente le misure per aiutarli a capire quanto dovrebbero essere preoccupati.

Il calo significativo della spesa è generalmente il causa più diretta di una recessione e spesso segnalano un calo dei redditi e una maggiore disoccupazione. Ma i consumatori riducono anche la spesa a causa della paura, come quando vedono i commercianti prendere il panico a Wall Street. Cioè, non deve succedere nulla di veramente brutto per ridurre la spesa e questo pizzicotto provocato dalla paura può avere conseguenze nel mondo reale e persino innescare una recessione.

L'abbiamo visto accadere con il virus SARS nel 2003, che ha provocato 700 morti in tutto il mondo. La fiducia dei consumatori sul futuro è diminuita, così come la spesa, in particolare per prodotti durevoli come elettrodomestici, veicoli e mobili. Fortunatamente, il tuffo è stato di breve durata e non si è verificata alcuna recessione.

Sebbene i decessi correlati al coronavirus superino già quelli della SARS, la fiducia dei consumatori non è stata ancora influenzata. Gli ultimi dati, pubblicati il ​​25 febbraio, lo mostrano ha continuato a salire a febbraio, sebbene ad un ritmo più lento del previsto e sulla base di un'indagine condotta prima del recente svenimento del mercato azionario. E misure della spesa al consumo come le vendite al dettaglio stanno anche crescendo, se a un tasso moderato.

Inoltre, potrebbero esserci due compensazioni positive dal virus che aumenteranno i consumatori. Uno è un riduzione dei tassi di interesse che si è già verificato e saranno gradite notizie per le persone che prendono in prestito denaro per una casa o un veicolo. Il secondo è a goccia d'olio - e, in definitiva, i prezzi del gas che significheranno meno soldi da pagare alla pompa.

Quindi, per ora, sembra che i consumatori siano più concentrati su posti di lavoro, redditi e prezzi del gas rispetto a COVID-19.

Coronavirus potrebbe davvero innescare una recessione? I commercianti stanno iniziando a preoccuparsi dell'impatto economico dell'epidemia di coronavirus. Spencer Platt / Getty Images

Una strada rocciosa per gli stock

Infine, esaminiamo l'impatto sugli stock.

Una cosa commercianti e investitori assolutamente non mi piace è l'incertezza. Ed è quello che abbiamo adesso: nessuno, nemmeno io, sa quanto sarà grave l'epidemia o quale impatto avrà sulle aziende, sui consumatori e sull'economia.

Fino a quando non avremo una buona idea di quanto si diffonderà il virus e se gli sforzi di contenimento avranno successo, i mercati potrebbero rimanere traballanti. La media industriale di Dow Jones è caduto 6.6% il 24 e 25 febbraio nel peggior calo di sempre, porre fine a un mercato rialzista che è durato 12 anni.

Un mercato azionario in calo potrebbe influire sull'economia reale in vari modi, anche compromettendo la fiducia dei consumatori e riducendo la loro spesa.

Ma proprio come un attacco di cattive notizie può mandare i mercati in contropiede, un motivo di ottimismo potrebbe causare un rimbalzo altrettanto veloce.

Preparati all'impatto e all'incertezza

Per ora, tutti - commercianti, aziende, consumatori - dovremo solo vivere con incertezza, non sapendo quanto sarà grave.

Il meglio che tutti noi possiamo fare è monitorare la situazione e prendere precauzioni per prevenirne la diffusione - ed essere pronti se lo fa.

Una misura chiave da tenere d'occhio è l'andamento del numero di nuovi casi segnalati in tutto il mondo. Una riduzione è spesso un segno che il virus sta eseguendo il suo corso. Tuttavia, un salto nei casi potrebbe essere motivo di allarme, soprattutto se l'aumento è notevole.

Le aziende e le industrie negli Stati Uniti che hanno forti legami con la Cina o altri paesi con gravi infezioni potrebbero essere in procinto di affrontare una strada rocciosa, ma con un po 'di fortuna le sfide dureranno settimane o mesi, non anni. Finché i consumatori statunitensi continueranno a spendere, l'economia continuerà a espandersi e il rischio di recessione è limitato. Se il mercato azionario crolla ulteriormente, tuttavia, tutte le scommesse potrebbero essere disattivate.

Circa l'autore

Michael Walden, professore ed economista delle estensioni, North Carolina State University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Una canzone può elevare il cuore e l'anima
by Marie T. Russell, InnerSelf
Ho diversi modi in cui uso per cancellare l'oscurità dalla mia mente quando trovo che si è insinuato. Uno è il giardinaggio o il trascorrere del tempo nella natura. L'altro è il silenzio. Un altro modo è leggere. E uno che ...
Perché Donald Trump potrebbe essere il più grande perdente della storia
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Tutta questa pandemia di coronavirus sta costando una fortuna, forse 2 o 3 o 4 fortune, tutte di dimensioni sconosciute. Oh sì, e centinaia di migliaia, forse un milione di persone moriranno prematuramente come diretto ...
Mascotte della pandemia e tema musicale per il distanziamento sociale e l'isolamento
by Marie T. Russell, InnerSelf
Mi sono imbattuto in una canzone di recente e mentre ascoltavo i testi, ho pensato che sarebbe stata una canzone perfetta come "tema musicale" per questi tempi di isolamento sociale. (Testo sotto il video.)
Lasciare Randy Imbuto My Furiousness
by Robert Jennings, InnerSelf.com
(Aggiornato 4-26) Non sono stato in grado di scrivere a destra una cosa che sono disposto a pubblicare questo mese scorso, vedi, sono furioso. Voglio solo scatenarmi.
Annuncio di servizio Pluto
by Robert Jennings, InnerSelf.com
(aggiornato il 4/15/2020) Ora che tutti hanno il tempo di essere creativi, non si può dire cosa troverete per intrattenere il vostro io interiore.