Anche le ondate di peste dell'Europa medievale richiedevano un piano d'azione economico

Anche le ondate di peste dell'Europa medievale richiedevano un piano d'azione economico Le piazze delle città medievali europee testimoniarono la riapertura delle economie dopo le piaghe. (Shutterstock)

The Black Death (1347-51) società europea devastata. Scrivendo quattro decenni dopo l'evento, il monaco e cronista inglese Thomas Walsingham ha osservato che "tanta miseria seguì questi mali che in seguito il mondo non sarebbe mai più potuto tornare al suo stato precedente. "

Questo commento medievale riflette una realtà vissuta: un mondo capovolto dalla paura di massa, dal contagio e dalla morte.

ancora la società si riprese. La vita è continuata nonostante l'incertezza. Ma non sono stati gli "affari come al solito" all'indomani - la minaccia della peste è rimasta.

Anche le ondate di peste dell'Europa medievale richiedevano un piano d'azione economico Il trionfo della morte di Pieter Bruegel il Vecchio mostra un paesaggio devastato in cui la morte sta portando le persone indiscriminatamente come appariva durante un'ondata di pestilenza. (Museo del Prado)

Recupero lento e doloroso

Il mondo post-Black Death aveva "non è stato migliorato dal suo rinnovo“. Il monaco francese, Guillaume de Nangis, lamentava che gli uomini erano più "avari e avidi", "avidi e litigiosi" e coinvolti in più "risse, controversie e cause legali".

La carenza di lavoratori in seguito è stata acuta. Il contemporaneo Historia Roffensis osserva che una fascia di terra in Inghilterra "rimase incolto, "In un mondo dipendente dalla produzione agricola.

Presto seguì una scarsità di beni, costringendo alcuni proprietari nel regno affitti inferiori o di perdono per mantenere i loro inquilini. "Se i lavoratori non lavorano", scherzò il predicatore inglese Thomas Wimbledon, "sacerdoti e cavalieri devono diventare coltivatori e pastori, oppure morire per mancanza di sostentamento fisico. "


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


A volte, lo stimolo veniva con la forza. Nel 1349, il governo inglese emise il suo Ordinanza dei lavoratori, che legiferava gli uomini e le donne abili pagando gli stipendi al tasso pre-peste del 1346.

Altre volte, la ripresa è stata più organica. Secondo il frate carmelitano francese, Jean de Venette, “ovunque le donne concepivano più facilmente del solito;” nessuno era sterile e le donne incinte abbondavano. Molti hanno dato alla luce gemelli e terzine, segnalando una nuova era all'indomani di una così grande mortalità.

Un nemico comune e familiare

Quindi la peste è tornata. UN seconda pestilenza colpì l'Inghilterra nel 1361. Una terza ondata colpì molti altri paesi nel 1369. Una quarta e quinta ondata seguirono rispettivamente nel 1374-79 e 1390-93.

Anche le ondate di peste dell'Europa medievale richiedevano un piano d'azione economico Un dipinto di Domenico Gargiulo di Napoli raffigura un'ondata di malattia che ha devastato la città a metà del 1500.

La peste fu una caratteristica costante nella vita tardo medievale e moderna. Tra il 1348 e il 1670, scrissero gli storici Andrew Cunningham e Ole Peter Grell, fu un evento regolare e ricorrente:

"... a volte attraverso vaste regioni, a volte solo in alcune località, ma senza omettere un unico collegamento annuale in questa lunga e triste catena. "

La malattia ha colpito comunità, villaggi e città con maggiori rischi per i centri urbani. Con la sua densa popolazione, Londra era a malapena libera da malattie con grandi focolai in 1603, 1625, 1636 e la "Grande peste" del 1665, che ha sostenuto 15 per cento della popolazione della città.

Nessuna generazione è sfuggita alla sua ira.

Controllo del disastro

I governi non erano timidi nelle loro risposte. Mentre la loro esperienza non ha mai potuto prevenire un focolaio, la loro gestione della malattia ha cercato di mitigare i futuri disastri.

La regina Elisabetta I. Ordine della peste del 1578 implementò una serie di controlli per supportare gli infetti e le loro famiglie. In tutta l'Inghilterra, un'iniziativa del governo ha assicurato che le persone infette non lasciassero le loro case per cibo o lavoro.

Furono anche costruiti pesthouse per ospitare i malati e proteggere i sani. Nel 1666, il re Carlo II ordinò ad ogni città "essere pronti nel caso in cui dovesse insorgere un'infezione“. Se una persona infetta venisse scoperta, verrebbe rimosso dalla casa e dalla città mentre il primo restava chiuso per 40 giorni, con una croce rossa e il messaggio "Signore, abbi pietà di noi"Apposto sulla porta.

In alcuni casi, barriere o cordoni sanitari, sono stati costruiti attorno alle comunità infette. Ma a volte facevano più male che bene. Secondo lo storico dell'Illuminismo Jean-Pierre Papon, ai residenti della città provenzale di Digne nel 1629 fu impedito di partire, seppellire i loro morti e costruire cabine dove avrebbero potuto altrimenti essere isolati in modo sicuro dalla malattia.

Stato e autorità morale

L'esperienza e le misure normative non sono sempre state efficaci.

La grande peste che colpì la città francese meridionale di Marsiglia tra il 1720 e il 1722 uccise un stimato 100,000 persone. Dopo l'arrivo del Grand Saint-Antoine, una nave mercantile di ritorno dal Levante, "cura e rimedi adeguati"Per prevenire le conseguenze fatali di questa malattia sono state ritardate e ignorate. La malattia si diffuse in tutte le parti della città.

Anche le ondate di peste dell'Europa medievale richiedevano un piano d'azione economico L'opera dell'artista francese Michel Serre del 1721 mostra una vista del municipio di Marsiglia durante lo scoppio della peste della città l'anno precedente. (Museo delle Belle Arti di Marsiglia)

La pestilenza cominciò a imperversare lì nel giro di poche settimane. Un medico corrotto, false leggi sulla salute, pressioni politiche ed economiche per scaricare la merce della nave e funzionari corrotti che indagavano sulla diffusione iniziale della malattia, contribuirono tutti a un disastro che difficilmente poteva essere contenuto nella Francia meridionale.

Gli ospedali erano saturi, incapaci di "ricevere la grande quantità di malati che venivano da loro in mezzo alla folla". Esercitando la "doppia diligenza", le autorità costruirono nuovi ospedali nei vicoli, "montarono grandi tende" nella periferia della città, riempiendole di "quanti più letti di paglia possibile potrebbero rimanere lì. "

Temendo la trasmissione sulle sue coste, il governo inglese ha aggiornato rapidamente le sue misure di protezione. Il Quarantine Act del 1721 ha minacciato la violenza, la detenzione o la morte di chiunque cercasse di sfuggire al parto forzato o di coloro che si rifiutavano di obbedire alle nuove restrizioni.

Anche le ondate di peste dell'Europa medievale richiedevano un piano d'azione economico Un ritratto di Edmund Gibson, vescovo di Londra, attribuito al ritrattista inglese John Vanderbank. (Bodleian Library, Università di Oxford)

Alcuni hanno ritenuto queste misure non necessarie. "L'infezione potrebbe aver ucciso migliaia di persone", ha scritto un autore anonimo, "ma la chiusura ha ucciso le sue diecimila ..."

Edmund Gibson, vescovo di Londra e apologeta del governo, non era d'accordo. "Dove la malattia è disperata", ha scritto, "anche il rimedio deve esserlo." In quanto tale, ha scritto, non aveva senso abitare "sui diritti e le libertà, e la facilità e la convenienza dell'umanità, quando c'era la peste sopra le nostre teste. "

La dislocazione sociale fu un risultato inevitabile, un male necessario. Ma come ci ricordano le esperienze medievali e antiche della peste, non è un appuntamento fisso.The Conversation

Circa l'autore

Kriston R. Rennie, Visiting Fellow presso il Pontificio Istituto di Studi medievali, Toronto, e professore associato di storia medievale, L'Università del Queensland

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Mascotte per la pandemia e tema musicale per l'isolamento sociale
by Marie T. Russell, InnerSelf
Mi sono imbattuto in una canzone di recente e mentre ascoltavo i testi, ho pensato che sarebbe stata una canzone perfetta come "tema musicale" per questi tempi di isolamento sociale. (Testo sotto il video.)
Lasciare Randy Imbuto My Furiousness
by Robert Jennings, InnerSelf.com
(Aggiornato 4-26) Non sono stato in grado di scrivere a destra una cosa che sono disposto a pubblicare questo mese scorso, vedi, sono furioso. Voglio solo scatenarmi.
Annuncio di servizio Pluto
by Robert Jennings, InnerSelf.com
(aggiornato il 4/15/2020) Ora che tutti hanno il tempo di essere creativi, non si può dire cosa troverete per intrattenere il vostro io interiore.
Il lato leggero della psicoanalisi del coniglietto pasquale
by Marie T. Russell, InnerSelf
A InnerSelf incoraggiamo l'introspezione, quindi siamo contenti di vedere che anche il coniglietto pasquale aveva cercato aiuto per comprendere le sue abitudini e le sue compulsioni.
Marianne Williamson Riflette sulla pandemia di Coronavirus
by Marie T. Russell, InnerSelf
Riflessioni di Marianne Williamson sull'attuale pandemia di coronavirus il 31 marzo 2020.