Il sole tramonta su un turismo insostenibile a lungo raggio e di breve durata - Le bolle regionali di viaggio sono il futuro

Il sole tramonta su un turismo insostenibile a lungo raggio e di breve durata - Le bolle regionali di viaggio sono il futuro www.shutterstock.com

Le chiusure delle frontiere senza precedenti e il blocco interno hanno paralizzato la Nuova Zelanda $ 40.9 miliardi all'anno industria del turismo. Nel processo, la vulnerabilità del settore agli shock esterni e la tenue natura dell'occupazione turistica sono state esposte.

Mentre la gestione della pandemia da parte della Nuova Zelanda è stata salutata come una masterclass globale, e la prospettiva di bolle di viaggio promossa come modo per riavviare l'economia del turismo e salvare posti di lavoro, è chiaro che non esiste una soluzione rapida.

I pericoli intrinseci della reinfezione dal viaggio da e verso i paesi con transizione comunitaria incontrollata, e il sfida di proteggere i confini della Nuova Zelanda, significa che per il momento il turismo internazionale è fondato.

Tuttavia, la pianificazione per il recupero è in corso. L'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite (UNWTO) vuole ridare fiducia e riavviare il turismo senza indugio. L'Unione europea di recente ha aperto i suoi confini ai viaggiatori di determinati paesi, tra cui la Nuova Zelanda.

Ma le bolle trans-Tasman e del Pacifico proposte saranno probabilmente tra le prime zone di viaggio internazionali sicure al mondo.

Una bolla della Tasman-Pacifico fa bene al pianeta

I benefici economici sono evidenti. Un recente studio che utilizza Dati UNWTO ha identificato i turisti australiani, che spendono in media $ 7,490 in vacanza, come i migliori turisti spesi nel mondo. Dei 3.8 milioni di turisti internazionali che hanno visitato la Nuova Zelanda nel 2018, quasi il 40% proveniva dall'Australia.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Alla fine del 2019, i turisti australiani avevano speso $ 2.5 miliardi di NZD nell'economia della Nuova Zelanda. Naturalmente, questa cifra è compensata dagli $ 1.6 miliardi di NZ spesi dai Kiwi in visita in Australia nel 2019.

Il semplice desiderio di tornare alla normalità, tuttavia, non è sufficiente. La ricostruzione del turismo deve negoziare un delicato equilibrio tra ripresa immediata e sostenibilità a lungo termine. È necessario un nuovo equilibrio di stato stazionario che generi occupazione e reddito riducendo al contempo le emissioni di carbonio del turismo.

Prima della pandemia di COVID-19 è stato ampiamente riconosciuto che il sistema turistico globale è difettoso dal punto di vista economico e ambientale. La nostra ricerca ha evidenziato tre principali guasti strutturali:

  1. basso valore (causato dalla crescita degli arrivi unita alla diminuzione della spesa)

  2. "fuoriuscita" economica (dovuta al turismo in uscita e alla concentrazione del profitto che fluisce a pochi attori globali)

  3. elevate emissioni di carbonio (da dipendenza da trasporto ad alto contenuto di carbonio, aumento della distanza di viaggio e riduzione della durata media del soggiorno).

La riduzione delle distanze di viaggio è fondamentale

Nel caso di una destinazione geograficamente distante come la Nuova Zelanda, non si può ignorare l'ultimo di questi problemi, come a rapporto dal commissario parlamentare neozelandese per l'ambiente evidenziato alla fine del 2019.

Il fatto è che elevate emissioni di carbonio sono incorporate nel PIL turistico della Nuova Zelanda. Nella ricostruzione dobbiamo impegnarci a misurare l'impronta di carbonio del turismo e gestire attivamente forme di turismo che hanno un costo del carbonio sproporzionatamente elevato.

In pratica, ciò significherà più turismo proveniente dai mercati regionali di medio raggio che rientrano nella proposta bolla di viaggio Australia-Nuova Zelanda-Pacifico. La crescente dipendenza dagli Stati australiani piuttosto che dai mercati a lungo raggio comporterà una drastica riduzione delle emissioni di carbonio per dollaro del PIL del turismo.

Research - Ricerca pubblicato nel 2010 ha dimostrato che mentre i turisti australiani costituivano il 37% dei visitatori internazionali in Nuova Zelanda, erano responsabili del 13% delle emissioni dei viaggi aerei. Al contrario, i visitatori provenienti dall'Europa costituivano il 18% del totale dei visitatori ma il 43% delle emissioni.

Meno arrivi a lungo raggio, più turisti australiani, più turismo domestico e meno viaggi di andata ridurranno drasticamente le emissioni di carbonio del turismo.

COVID-19 ha già avviato la parte domestica di questa equazione. La Nuova Zelanda non ha preso di mira i turisti locali dall'iconico “Non lasciare la città fino a quando non hai visto il paese"Campagna. Ma le regioni sono ora in competizione per il circa il 60% di tutti i dollari turistici che i neozelandesi trascorrono ogni anno nel proprio paese.

La chiusura dei confini internazionali ha anche, per ora, bloccato la significativa fuga economica causata dai viaggi in uscita. Nel 2019 i kiwi hanno speso quasi $ 5 miliardi viaggiando all'estero.

È ora di smettere di commercializzare il turismo a lungo raggio

La maggior parte degli scambi (comprese le esportazioni turistiche) proviene dai mercati più vicini a noi. È più economico commerciare con i vicini ed è molto più sostenibile che i turisti arrivino da paesi più vicini piuttosto che lontani.

È necessario trovare nuovi modelli turistici in grado di ridurre le emissioni del settore mantenendo il più possibile i benefici in termini di reddito e occupazione.

È probabile che l'analisi del carbonio del turismo indichi la crescente importanza dei visitatori di lunga durata, come gli studenti internazionali, che già forniscono il 23% della spesa turistica internazionale totale in Nuova Zelanda.

Allo stesso modo sarà necessario "smerciare" e ridurre gli arrivi di turisti a lungo raggio, ad alto contenuto di carbonio, di breve durata e a basso rendimento economico. Passeggeri che arrivano su enormi navi da crociera ad alta intensità di carbonio - Il 9% dei visitatori, ma solo il 3% delle entrate turistiche - rientrare saldamente nella categoria meno desiderabile.

Una bolla di viaggio Australia-Nuova Zelanda-Pacifico si adatta chiaramente al nuovo modello. La ricostruzione del turismo deve comportare l'adozione di tutte le misure per creare un futuro turistico di alto valore, a bassa perdita e a basse emissioni.The Conversation

Circa l'autore

James Higham, professore di turismo, Università di Otago

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Il giorno del reckoning è arrivato per il GOP
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Il partito repubblicano non è più un partito politico filoamericano. È un partito pseudo-politico illegittimo pieno di radicali e reazionari il cui obiettivo dichiarato è quello di interrompere, destabilizzare e ...
Perché Donald Trump potrebbe essere il più grande perdente della storia
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Aggiornato il 2 luglio 20020 - Tutta questa pandemia di coronavirus sta costando una fortuna, forse 2 o 3 o 4 fortune, tutte di dimensioni sconosciute. Oh sì, e centinaia di migliaia, forse un milione di persone moriranno ...
Blue-Eyes vs Brown Eyes: come viene insegnato il razzismo
by Marie T. Russell, InnerSelf
In questo episodio dell'Oprah Show del 1992, la pluripremiata attivista ed educatrice anti-razzismo Jane Elliott ha insegnato al pubblico una dura lezione sul razzismo dimostrando quanto sia facile imparare il pregiudizio.
Un cambiamento sta per arrivare...
by Marie T. Russell, InnerSelf
(30 maggio 2020) Mentre guardo le notizie sugli eventi di Philadephia e di altre città del paese, il mio cuore fa male per ciò che sta traspirando. So che questo fa parte del grande cambiamento che sta prendendo ...
Una canzone può elevare il cuore e l'anima
by Marie T. Russell, InnerSelf
Ho diversi modi in cui uso per cancellare l'oscurità dalla mia mente quando trovo che si è insinuato. Uno è il giardinaggio o il trascorrere del tempo nella natura. L'altro è il silenzio. Un altro modo è leggere. E uno che ...