Il nuovo pensiero economico di cui abbiamo bisogno per il recupero

Il nuovo pensiero economico di cui abbiamo bisogno per il recupero del coronavirus Tatiana Gordievskaia / Shutterstock.com

Il Fondo monetario internazionale (FMI) chiama la crisi economica indotta dal coronavirus "il grande blocco”. La frase imita la Grande Depressione degli anni '1920 e la Grande Recessione che seguì la crisi finanziaria globale del 2007-08. Ma, mentre è allettante mantenere la coerenza linguistica nel nominare l'attuale crisi il Grande Blocco, questo termine è fuorviante.

Il Great Lockdown suggerisce che la causa principale dell'attuale depressione economica risiede nell'impatto negativo della pandemia. Ma l'entità del malessere economico non può essere attribuita esclusivamente al coronavirus.

I tassi record di disoccupazione e il drammatico declino della crescita economica sono risultati diretti delle scelte politiche promosse dal paradigma economico dominante che il mondo ha avuto dagli anni '1980 - uno che dice mercati liberi sono il modo migliore per organizzare la nostra vita economica. esso interessi promossi del settore finanziario, investimento scoraggiato e indebolito la capacità del settore pubblico per affrontare la pandemia.

La ripresa del coronavirus richiede un nuovo modo di pensare economico, che metta il benessere della società sul successo individuale e metta alla prova fondamentalmente ciò che viene valutato e premiato finanziariamente dall'economia.

Le politiche economiche di oggi hanno le loro radici nel pensiero degli anni '1980, che sbocciata negli anni '1990. Si basa sull'idea che, a breve termine, l'economia sia caratterizzata da imperfezioni del mercato. Queste imperfezioni possono portare a crisi se gli shock esterni - come una pandemia globale - colpiscono perché i livelli di reddito, spesa e produzione nell'economia cambiano inaspettatamente e molti lavoratori vengono improvvisamente licenziati.

Ma questo paradigma ritiene che tali imperfezioni siano facilmente risolte da interventi temporanei del governo. Si presume che la gente faccia principalmente Decisioni "razionali" basato su un modello matematico dell'economia, quindi una quantità limitata di spesa pubblica e armeggiamento sui tassi di interesse può riportare il mercato alla normalità. A lungo termine, ciò si traduce in un sano equilibrio in cui tutte le persone che vogliono lavorare sono di nuovo in grado di trovare un lavoro.

Queste idee sono gli elementi costitutivi dell'economia tradizionale e hanno avuto un'influenza decisiva sulla politica economica nei paesi capitalisti dagli anni '1980. Mantenere l'inflazione sotto controllo è diventato la massima priorità della politica economica negli ultimi decenni. Viene prima di altri obiettivi della politica, probabilmente più importanti, relativi alla giustizia sociale e alla sostenibilità.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


L'economia mainstream ritiene che a lungo termine un'eccessiva spesa pubblica, che si tratti di assistenza sanitaria, istruzione o progetti a lungo termine come le energie rinnovabili, fa più male che bene. Questo perché non ha alcuna influenza sui livelli a lungo termine di disoccupazione e PIL, ma porta invece all'inflazione.

Crisi non evitata

Questo paradigma dominante impone che i governi intervengano solo in "tempi anomali", come ad esempio a seguito della crisi finanziaria globale e ora, durante la pandemia di coronavirus. In risposta alla pandemia, i politici hanno iniettato miliardi nell'economia attraverso una spesa pubblica più elevata, livelli di tassi di interesse record e acquisti di attività su larga scala attraverso programmi di allentamento quantitativo.

Ma in base all'esperienza dell'ultimo decennio, è difficile affermare che le crisi economiche siano davvero anormali. L'economia eterodossa, un approccio all'economia a cui appartengo, afferma che le crisi economiche sono un caratteristica intrinseca del capitalismo.

Il paradigma dominante sopravvisse alla Grande Recessione. Alcune spese del governo sono state autorizzate a stimolare l'economia dopo la crisi. Ma poi, nel 2010, questo è stato sostituito da un decennio di austerità, che ha avuto un impatto devastante sulla società. Nel Regno Unito, ad esempio, anni di fondi insufficienti hanno lasciato il SSN a malapena in grado di far fronte gestire la pandemia.

Il nuovo pensiero economico di cui abbiamo bisogno per il recupero del coronavirus Anni di tagli alla spesa pubblica hanno preceduto il coronavirus. Ink Drop / Shutterstock.com

Proprio come la Grande Recessione del 2007, la pandemia di coronavirus ha messo in luce le contraddizioni delle nostre cosiddette economie avanzate che portano a crisi. Indebitamento del settore privato, persistenti disparità di reddito e di ricchezza, dipendenza del mercato del lavoro da forme di lavoro insicure, prevalenza di oligopoli in cui pochi mercati di controllo limitati - il coronavirus non è la causa principale dei nostri problemi economici, ma solo il suo catalizzatore.

Ma non è ancora chiaro se la pandemia provocherà un nuovo modo di pensare economico. Il coronavirus si adatta apparentemente alla narrativa tradizionale delle crisi causate da uno "shock esterno", che non è correlato alla struttura e al funzionamento dell'economia stessa.

Ma le cause sottostanti che rendono questa crisi così grave - come la disuguaglianza, l'occupazione insicura, la concentrazione del mercato - sono i risultati diretti dell'approccio tradizionale al pensiero e alla politica economica. Il lento recupero dopo la Grande Recessione del 2007, evidente nel XNUMX problemi di produttività persistenti, bassi tassi di crescita, irrisolti disuguaglianze razziali e aumentando disparità di ricchezza in molti paesi ad alto reddito, è una testimonianza dell'inefficacia del paradigma economico dominante.

Opportunità unica

Siamo di fronte a un'opportunità unica per ripensare fondamentalmente le priorità della politica economica e il pensiero che le sta alla base. Le risposte alla pandemia mostrano che i governi hanno i mezzi per investire in sanità, istruzione e ricerca. E per supportare lavoratori e piccole imprese. Queste politiche aiutano molte persone a raggiungere la sicurezza finanziaria, che aumenta i livelli di spesa privata e supporta l'attività economica.

Questi punti sono stati a lungo sottolineati dagli economisti eterodossi. Una maggiore spesa pubblica per progetti di investimento pubblico e servizi pubblici, nonché una maggiore supervisione di come l'attività del mercato influenza la società, deve essere al centro dell'attenzione.

Per ricostruire economie migliori dopo la pandemia, dobbiamo mettere il benessere sociale e ambientale prima del profitto privato. È pertanto fondamentale che, man mano che l'economia si riprenda, i dibattiti su come finanziare una spesa pubblica più elevata vadano oltre il "non c'è alternativa"Visione della politica economica. Devono prendere seriamente in considerazione diversi approcci debito pubblico, tassazione, politica monetaria verdee gestione inflazione.The Conversation

Circa l'autore

Hanna Szymborska, docente senior di economia, Birmingham City University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Il giorno del reckoning è arrivato per il GOP
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Il partito repubblicano non è più un partito politico filoamericano. È un partito pseudo-politico illegittimo pieno di radicali e reazionari il cui obiettivo dichiarato è quello di interrompere, destabilizzare e ...
Perché Donald Trump potrebbe essere il più grande perdente della storia
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Aggiornato il 2 luglio 20020 - Tutta questa pandemia di coronavirus sta costando una fortuna, forse 2 o 3 o 4 fortune, tutte di dimensioni sconosciute. Oh sì, e centinaia di migliaia, forse un milione di persone moriranno ...
Blue-Eyes vs Brown Eyes: come viene insegnato il razzismo
by Marie T. Russell, InnerSelf
In questo episodio dell'Oprah Show del 1992, la pluripremiata attivista ed educatrice anti-razzismo Jane Elliott ha insegnato al pubblico una dura lezione sul razzismo dimostrando quanto sia facile imparare il pregiudizio.
Un cambiamento sta per arrivare...
by Marie T. Russell, InnerSelf
(30 maggio 2020) Mentre guardo le notizie sugli eventi di Philadephia e di altre città del paese, il mio cuore fa male per ciò che sta traspirando. So che questo fa parte del grande cambiamento che sta prendendo ...
Una canzone può elevare il cuore e l'anima
by Marie T. Russell, InnerSelf
Ho diversi modi in cui uso per cancellare l'oscurità dalla mia mente quando trovo che si è insinuato. Uno è il giardinaggio o il trascorrere del tempo nella natura. L'altro è il silenzio. Un altro modo è leggere. E uno che ...