L'ultimo piano per privatizzare l'ufficio postale colpisce inaspettatamente l'ostacolo: i clienti

L'ultimo piano per privatizzare l'ufficio postale colpisce l'ostacolo inaspettato

La gestione del servizio postale degli Stati Uniti (USPS) si è appena imbattuta in un possibile ostacolo che ha cambiato il corso della sua vergognosa ricerca di un ufficio postale completamente privatizzato: la solidarietà del lavoro.

Ecco lo sfondo. Per un decennio, la USPS è stata aggressivamente restringendo, consolidando e esternalizzando il sistema postale nazionale. A luglio il management di 2011 ha alzato la posta annunciando la rapida chiusura degli uffici postali locali di 3600, un passo verso l'eventuale chiusura di 15,000, metà degli uffici postali della nazione.

Scoppiò un'ondata di opposizione. I cittadini di centinaia di città si sono mobilitati per salvare un'istituzione preziosa che svolge un ruolo chiave e talvolta definitivo nelle loro comunità. A dicembre 2011, dopo che il Congresso è apparso pronto ad imporre una moratoria di sei mesi sulle chiusure, la gestione della USPS ha volontariamente adottato un congelamento della stessa lunghezza.

A maggio 2012, la moratoria si è conclusa, ma la direzione, forse preoccupata di rianimare una reazione nazionale, ha abbracciato un'ingegnosa strategia di occultamento. Anziché le chiusure, la direzione è passata alle ore di taglio negli uffici postali 13,000. Ciò potrebbe essere realizzato rapidamente. La riduzione delle ore, a differenza delle chiusure definitive, richiede poche giustificazioni. Gli appelli sono limitati. Inoltre una riduzione delle ore non genera lo stesso livello di oltraggio di una chiusura. L'edificio rimane aperto anche se il suo valore per la comunità è drammaticamente diminuito.

Gli uffici postali 9,000 hanno subito tagli drastici

Entro la fine di quest'anno la direzione potrebbe raggiungere il suo obiettivo. Gli uffici postali 9,000 hanno già subito drastiche perdite di orario. I dipendenti non professionisti inesperti part-time hanno sostituito i postmaster di carriera con esperienza a tempo pieno. La direzione ha tenuto riunioni regolarmente in ogni comunità colpita ma ha rifiutato di prestare attenzione o addirittura rispondere ai consigli dei residenti e delle imprese locali o di fornire loro i dati utilizzati per giustificare la propria decisione

Impiegati postali e portatori di lettere sono il volto personale della più onnipresente, fidata e rispettata di tutte le istituzioni pubbliche. Sostituendo gradualmente il servizio "a domicilio" con la consegna a più cassette postali di cluster remote, la gestione ha già ridotto la nostra interazione personale con i vettori di lettere.

Lo scorso autunno la gestione della USPS ha proceduto con la seconda fase della sua campagna per recidere i nostri collegamenti personali con gli impiegati postali lanciando tranquillamente un progetto pilota nei negozi 82 Staples. Dopo che le notizie divennero pubbliche, la direzione annunciò ingenuamente che nulla era cambiato. "Staples si unisce a più di 65,000 rivenditori. . . chi attualmente fornisce un accesso esteso a prodotti e servizi postali. "La direzione ha dimenticato di menzionare che queste posizioni 65,000 vendono solo francobolli o scatole piatte. Nessuno ospita un banco postale gestito da un impiegato al dettaglio che vende servizi.

L'accordo con Staples è diverso. Come ha ammesso il management, Staples "è il primo rivenditore a prendere parte a un programma pilota USPS denominato" Retail Partner Expansion Program ". Il Retail Partner Expansion Program crea mini uffici postali all'interno di grandi magazzini.

Se il pilota ha successo, l'USPS prevede di estenderlo a tutti gli 1,500 Staples. E poi a tutti i grandi negozi al dettaglio. Steve Hutkins, creatore dell'inestimabile SaveOurPostOffice.org, esegue i numeri. Ora possiamo comprare francobolli su 7,450 Walgreens; 3,830 Wal-Mart; 1,632 Staples; 1,200 Office Depot; 847 Safeways; 609 Sam's Clubs; e 426 Costcos. Ciò si aggiunge a più posizioni 14,000. "Se tutti questi accordi fossero stati convertiti dalla vendita di francobolli in spedizione alla creazione di sportelli postali, il servizio postale avrebbe un'infrastruttura istantanea di" mini uffici postali "per sostituire gli uffici postali reali ..."

Rep. L'Issa di Darrell sta cercando di uccidere i sindacati uccidendo l'ufficio postale locale

Una proposta di legge presentata dal rappresentante Darrell's Issa (R-CA) renderebbe questa sostituzione molto più semplice. Secondo la Sezione 103 della Legge sulla riforma postale di 2013, il diritto di appellarsi a un ufficio postale chiuso alla Commissione di regolamentazione postale "non si applica alla determinazione del servizio postale per chiudere un ufficio postale se vi è situata, entro miglia 2 di tali ufficio postale, un'unità postale di contratto qualificata. "Ci sono uffici postali 1,200 entro due miglia dalla rete di vendita di Staples.

Per la gestione la sostituzione di un vero ufficio postale con un falso ufficio postale è un buon affare. La paga media di USPS è di circa $ 25 all'ora. I commessi al dettaglio di Staples guadagnano circa $ 8.50 all'ora.

Per il cliente questo è un cattivo affare. I dipendenti di Staples ricevono solo quattro ore di formazione in "aula" per le attività di vendita al dettaglio. Gli addetti alle vendite al dettaglio ricevono ore 32 di intensa formazione in aula, seguiti da ore 40 di formazione sul posto di lavoro a fianco di esperti addetti alle finestre. I lavoratori postali devono superare un test prima di essere considerati qualificati per lavorare alla finestra. Dato il fatturato di Staples è improbabile che il dipendente del banco postale sia in giro abbastanza a lungo da acquisire l'esperienza o la competenza di un impiegato di carriera.

Per la comunità questo è un pessimo affare. Un'affermata istituzione locale creata per servire l'interesse pubblico sarebbe rimpiazzata da un contatore in un'azienda creata per servire azionisti e dirigenti lontani. Se il suo interesse economico fosse dettato da Staples, avrebbe potuto decidere di chiudere il negozio. Per sottolineare la realtà di questa minaccia a marzo, Staples ha annunciato che farà ricorso ai negozi 225. Ciò lascerebbe la comunità senza alcun servizio postale.

Solidarietà laburista al salvataggio

L'American Postal Workers Union (APWU) ha risposto all'azione ostile della direzione organizzando proteste in tutto il paese. Ad aprile 24th a Day of Action ha provocato centinaia di picchetti, marce e rally in più di 50 città negli Stati 27 sotto il grido di battaglia, "Stop Staples: la posta degli Stati Uniti non è in vendita".

A fine maggio il vicepresidente di Staples, Joe Doody, ha riconosciuto con nervosismo che l'accordo USPS "potrebbe diventare un problema se più sindacati appoggiassero gli impiegati delle poste". Ha detto al Boston Globe: "Il rivenditore continuerà a valutare la situazione per determinare se il contraccolpo negativo vale i vantaggi della partnership ", Staples aveva firmato l'accordo perché era disperato ottenere più traffico attraverso i suoi negozi. Se l'accordo riduce effettivamente il traffico e le vendite, Staples riconsidererà.

Sindacati statali e federazioni nazionali hanno iniziato a sostenere la campagna "Do not Buy Staples". A maggio 30, quando l'AFL-CIO, composto da unioni 56 rappresentanti membri 12.5 milioni, è uscito a sostegno del boicottaggio. A metà giugno l'Unione internazionale dei dipendenti dei servizi della California 32BJ, che rappresenta i membri del sindacato 145,000 negli stati 11 e nel distretto di Columbia, ha votato per un boicottaggio. In una lettera al CEO di Staples SEUI 32BJ, il presidente Héctor Figueroa ha osservato: "Il servizio postale è il più grande singolo datore di lavoro civile della borghesia per afroamericani e veterani (compresi i veterani disabili) ed è il più grande datore di lavoro dell'unione civile . Abbiamo bisogno di più di questi tipi di posti di lavoro per rafforzare la nostra economia e la classe media, e non accetteremo i vostri sforzi per indebolirli attraverso la privazione dei salari bassi ".

Dopo luglio 4th altri sindacati si unirono formalmente al boicottaggio. Forse sono stati ispirati dal duraturo commento di Benjamin Franklin alla firma della Dichiarazione di Indipendenza: "Dobbiamo stare tutti insieme o sicuramente andremo tutti separatamente".

A luglio l'Associazione internazionale dei vigili del fuoco che rappresenta più di 300,000 ha sostenuto il boicottaggio. Il sindacato AFSCME, che rappresenta 1.6 milioni di lavoratori del settore pubblico, ha seguito l'esempio. Poi a luglio 12th il membro di 1.5 milioni di American Federation of Teachers (AFT) ha consegnato il colpo di grazia al momento dell'iscrizione. Il presidente dell'APWU, Mark Dimondstein, ha motivato la solidarietà alla convention: "Anche noi siamo nel settore pubblico, anche noi stiamo rispondendo ai bisogni delle persone. Stiamo affrontando alcuni dei tuoi stessi problemi, io lo chiamo dirottare, sconfiggere, demoralizzare, demonizzare e smantellare. "

Il presidente della Federazione americana degli insegnanti Randi Weingarten ha risposto. "Chi vuole davvero che Staples e debba entrare nei suoi negozi ogni giorno? Insegnanti. Il modo migliore che possiamo aiutare è se diciamo a Staples: "Fai questo ai lavoratori delle poste e non acquistiamo forniture nei tuoi negozi".

Le forniture scolastiche rappresentano un mercato chiave per Staples e rappresentano fino a un terzo delle sue vendite. L'anno scorso gli insegnanti hanno speso circa $ 1.6 miliardi del proprio denaro per le scorte scolastiche. L'acquisto di forniture di ritorno a scuola si sta facendo sul serio a fine luglio.

Insegnante Solidarietà Un fattore nel ritiro di punti

A luglio 14th Staples ha annunciato di essersi ritirata dal programma di espansione dei partner per i rivenditori.

Le celebrazioni sono state disattivate. La gestione dei servizi postali non ha gettato la spugna. Semplicemente ha cambiato il nome del programma. Come ha spiegato un portavoce di USPS: "Non vediamo l'ora di continuare la partnership, che si chiami Espansione dei partner di vendita o spedizioniere autorizzato." L'USPS vuole stabilire una testa di ponte in migliaia di negozi al dettaglio. Una volta che un banco postale composto da impiegati non statali non sindacalizzati a basso reddito inizia a vendere servizi, sarà facile espandere i tipi di servizi offerti.

Ma l'annuncio di Staples e l'offuscamento di USPS dimostrano che i negozi al dettaglio sono vulnerabili ai boicottaggi, specialmente quelli organizzati dalle persone nelle comunità che servono. Insegnanti, vigili del fuoco, impiegati governativi, impiegati di servizio vivono in numero significativo in ogni comunità. Possono costituire la spina dorsale di uno sforzo che mette in guardia i grandi rivenditori di scatole e la gestione di USPS. Mani fuori dal nostro ufficio postale!

E chi lo sa? Le mani fuori dal nostro ufficio postale potrebbero evolversi in ridandoci il nostro ufficio postale! Un boicottaggio riuscito a fermare l'ulteriore privatizzazione dell'ufficio postale potrebbe quindi spostare la richiesta di riportare l'ufficio postale al suo antico splendore e alla sua efficacia riaprendo i centri di elaborazione, estendendo gli orari degli uffici postali locali e riassumendo il personale esperto. Benjamin Franklin, il primo Postmaster General degli Stati Uniti, sarebbe soddisfatto.

Questo articolo è originariamente apparso in Sui terreni comunali


Circa l'autore

morris DavidDavid Morris è co-fondatore e vicepresidente dell'Istituto per l'autosufficienza locale di Minneapolis e DC e dirige la sua iniziativa di pubblica utilità. I suoi libri includono "Le nuove città-stato" e "Dobbiamo affrettare lentamente: il processo di rivoluzione in Cile"


Ricevi le ultime novità da InnerSelf



Libro consigliato:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}