Perché il motivo del profitto non riesce principalmente nell'istruzione

Perché il motivo del profitto non riesce principalmente nell'istruzione La disastrosa esperienza di istruzione e formazione professionale in Australia contiene molte lezioni sul tentativo di adattare l'istruzione a un modello di mercato a scopo di lucro. www.shutterstock.com

La rinuncia del governo Morrison a quasi $ 500 milioni nei debiti debiti di istruzione e formazione professionale tiene molte lezioni sulla natura dell'istruzione e dei servizi pubblici offerti dalle imprese a scopo di lucro.

I debiti sono stati raccolti da circa 38,000 studenti involontariamente rinchiusi in prestiti federali VET FEE-HELP da parte di fornitori di istruzione a scopo di lucro. Altre migliaia di reclami che cercano di far rinunciare ai debiti deve ancora essere elaborato.

Una delle lezioni del disastroso mix di finanziamenti pubblici e profitti privati ​​nel settore dell'IFP è che i responsabili politici infatuati del dogma della "riforma" non sono in grado di apprendere dall'esperienza.

Questo è vero per entrambe le parti della politica.

Riforme vittoriane

Una breve storia del "la formazione scolastica più disastrosa nella storia dell'Australia"Illustra il punto.

La storia inizia verso il 2008.

Storicamente, l'istruzione e la formazione professionale erano di dominio dei collegi tecnici e di perfezionamento professionale (TAFE) gestiti dal governo. Per creare un settore espanso guidato dalla domanda, il governo laburista di John Brumby nel Victoria fece due importanti "riforme".


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Uno era quello di aprire il sistema TAFE alla concorrenza del settore privato. L'altro era di spostare i costi agli studenti, attraverso un regime di prestiti a pagamento simile a quello federale del lavoro introdotto per finanziare l'espansione dell'istruzione universitaria.

Queste riforme furono abbracciate dal successore liberale di Brumby, Ted Baillieu, che tagliare drasticamente i finanziamenti TAFEe dai governi federale sia liberale che laburista.

Come non riformare

Ma ciò che Victoria ha fornito, nelle parole della ricercatrice di politica educativa Leesa Wheelahan, è stato “un ottimo modello in come non riformare la formazione professionale".

Come notato da Wheelahan nel 2012, i problemi sono emersi quasi immediatamente. I fornitori a scopo di lucro hanno attirato gli studenti (e quindi i soldi che scorrevano dal governo) con dolcificanti come iPad "gratuiti". I diplomi che richiedono 600 ore di lavoro sono stati concessi sulla base di 60 ore. E così via.

In un saggio pubblicato nel 2013, ho scritto: "I tentativi delle imprese a scopo di lucro di entrare (in quello che percepiscono) nei mercati dell'istruzione sono quasi invariabilmente conclusi con un fallimento o con uno sfruttamento fraudolento di sussidi pubblici".

Ma il modello vittoriano è stato abbracciato prima a livello federale dal governo di John Howard, che ha esteso il programma di prestiti per l'istruzione superiore all'IFP, e poi quelli di Kevin Rudd e Julia Gillard.

È cresciuto ancora di più sotto Tony Abbott, aumentando a tassi di tre cifre tra il 2012 e 2015, fino a quando evidenti problemi hanno costretto l'azione del governo. L'ufficio di revisione nazionale australiano valutazione pungente del regime nel 2016 ha portato ad esso essere demolito.

Esempi di fallimento

I responsabili politici avrebbero potuto imparare non solo dai fallimenti iniziali della riforma dell'IFP, ma anche da esempi di educazione a scopo di lucro a tutti i livelli.

Le università australiane si sono dilettate senza successo con il modello terziario a scopo di lucro esemplificato dall'Università di Phoenix. Esso e altre università a scopo di lucro sono stati accusati di aver speso fondi per l'istruzione federale destinati ai veterani militari 15% o meno delle tasse ricevute su istruzione.

È forse una buona cosa che le università australiane radicate nelle tradizioni dell'educazione pubblica abbiano regolarmente fallito con iniziative a scopo di lucro come la Melbourne University Private. Si è chiuso nel 2005 dopo aver perso una stima A $ 20 milioni negli ultimi sette anni.

A livello di istruzione scolastica, gli Stati Uniti hanno molti esperimenti falliti. Uno è Scuole Edison, che al suo apice all'inizio degli anni 2000 aveva centinaia di contratti scolastici. Da allora ha perso la grande maggioranza a causa di no mantenere le promesse.

Nel regno dell'educazione della prima infanzia, gli operatori australiani di assistenza all'infanzia a scopo di lucro finanziati con sussidi governativi hanno un record altrettanto problematico. Le somiglianze includono l'uso dei tipi di esche introdotte da operatori shonky nel settore dell'IFP - seducenti genitori (e i loro sussidi federali) con offerte "gratuite" iPad e buoni regalo.

I limiti del liberalismo di mercato

I fallimenti dell'educazione a scopo di lucro riflettono sia le caratteristiche specifiche dell'educazione che rendono inappropriato un modello di mercato sia i fallimenti più fondamentali del liberalismo di mercato.

Gli studenti, per definizione, non sanno abbastanza per essere informati i consumatori. Se il corso è buono o cattivo, è improbabile che siano clienti abituali. In queste circostanze, fare affidamento sulla scelta del consumatore e sulla concorrenza tra i fornitori è una ricetta per corsi e sfruttamento superficiali e di bassa qualità.

Come ha dimostrato secoli di esperienza, solo la dedizione e l'etica professionale degli insegnanti possono garantire un'istruzione di alta qualità. La dipendenza da incentivi e mercati non è coerente con questa filosofia.

Il problema più ampio dell'agenda di riforma è che le imprese a scopo di lucro pagate per fornire servizi pubblici sono più tentate di realizzare profitti sfruttando le lacune nel sistema di finanziamento piuttosto che innovando o fornendo servizi migliori.

Apparentemente questo punto non è ancora stato affrontato da agenzie come la Productivity Commission, che rimane entusiasta di applicare "maggiore concorrenza, contestabilità e scelta informata dell'utente"Ai servizi umani" per migliorare i risultati per gli utenti e la comunità nel suo insieme ".The Conversation

L'autore

John Quiggin, professore, scuola di economia, L'Università del Queensland

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Un cambiamento sta per arrivare...
by Marie T. Russell, InnerSelf
(30 maggio 2020) Mentre guardo le notizie sugli eventi di Philadephia e di altre città del paese, il mio cuore fa male per ciò che sta traspirando. So che questo fa parte del grande cambiamento che sta prendendo ...
Una canzone può elevare il cuore e l'anima
by Marie T. Russell, InnerSelf
Ho diversi modi in cui uso per cancellare l'oscurità dalla mia mente quando trovo che si è insinuato. Uno è il giardinaggio o il trascorrere del tempo nella natura. L'altro è il silenzio. Un altro modo è leggere. E uno che ...
Perché Donald Trump potrebbe essere il più grande perdente della storia
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Tutta questa pandemia di coronavirus sta costando una fortuna, forse 2 o 3 o 4 fortune, tutte di dimensioni sconosciute. Oh sì, e centinaia di migliaia, forse un milione di persone moriranno prematuramente come diretto ...
Mascotte della pandemia e tema musicale per il distanziamento sociale e l'isolamento
by Marie T. Russell, InnerSelf
Mi sono imbattuto in una canzone di recente e mentre ascoltavo i testi, ho pensato che sarebbe stata una canzone perfetta come "tema musicale" per questi tempi di isolamento sociale. (Testo sotto il video.)
Lasciare Randy Imbuto My Furiousness
by Robert Jennings, InnerSelf.com
(Aggiornato 4-26) Non sono stato in grado di scrivere a destra una cosa che sono disposto a pubblicare questo mese scorso, vedi, sono furioso. Voglio solo scatenarmi.