I pericoli di un sistema alimentare appena sufficiente, just in time

I pericoli di un sistema alimentare "Basta abbastanza, giusto in tempo"
Un'intera sezione di carne e pollame viene lasciata vuota dopo che gli acquirenti in preda al panico sono stati travolti dalla paura del coronavirus in un negozio di alimentari a Burbank, in California, il 14 marzo 2020. (Foto AP / Richard Vogel)

Carenza di carta igienica, approfittando di disinfettante per le mani e scaffali vuoti nei negozi di alimentari.

Grazie a COVID-19, i governi della maggior parte delle nazioni industrializzate si stanno preparando per la carenza delle necessità della vita. Se falliscono, le rivolte per il cibo possono essere inevitabili. Alcuni si chiedono se stiamo rispondendo in modo appropriato a COVID-19, ed è chiaro che gli eventi recenti rivelano un difetto fondamentale nei sistemi globali che ci portano il nostro pane quotidiano.

Viviamo in un'epoca meravigliosa in cui le catene di approvvigionamento globali collegano senza soluzione di continuità agricoltori e consumatori utilizzando i principi di "quanto basta, appena in tempo“. Per anni, le aziende hanno lavorato duramente per mantenere bassi gli inventari, ottimizzando le spedizioni per bilanciare la domanda e l'offerta utilizzando un'accuratezza all'avanguardia.

In molti modi, questo sistema è un miracolo. Il cibo a basso costo è un risultato. E se c'è un problema in una parte della catena di approvvigionamento, il sistema globale è bravo a trovare alternative. (I manghi dall'Asia sono andati male? Prova i manghi dall'America Centrale!)

Ma con questa abbondanza - e convenienza - arriva un costo nascosto che COVID-19 ha esposto: una perdita di resilienza. Il nostro sistema alimentare globale dipende dai viticci del commercio internazionale per avvolgere il mondo in un sistema sempre più complesso di acquirenti, venditori, trasformatori e rivenditori, tutti motivati ​​a mantenere bassi i costi e le attività snelle.

resilienza costruzione

Quindi, quando lo stesso sistema della catena di approvvigionamento viene messo in discussione - come è ora grazie a COVID-19 - allora le ruote minacciano di uscire dal proverbiale carrello delle mele. COVID-19 mostra che dobbiamo svegliarci e renderci conto che se vogliamo davvero essere resilienti, dobbiamo incorporare più ridondanze, buffer e firewall nei sistemi da cui dipendiamo a vita.

In termini pratici, ciò significa che dovremmo mantenere grandi inventari e promozione di un maggior grado di autosufficienza regionale.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Queste misure aiuteranno a garantire che le nostre comunità non vadano nel panico se i camion di cibo si fermano.

I pericoli di un sistema alimentare "Basta abbastanza, giusto in tempo" Un camion viene caricato con contenitori pieni di mele pronti per essere spediti al mercato. (Shutterstock)

Ma mentre questo può sembrare sensato, alti inventari e maggiore autosufficienza regionale sono, in effetti, antitetici all'approccio "appena sufficiente, giusto in tempo" che guida la maggior parte della nostra economia, anche se nessuno suggerisce che dobbiamo essere completamente auto -sufficiente del tempo.

Prendi i sistemi che producono e distribuiscono mais, grano e riso che alimentano la maggior parte delle calorie dell'umanità. Il ultimo rapporto delle Nazioni Unite sul sistema globale dei cereali contiene alcune cattive notizie. L'anno scorso, il mondo ha mangiato più cereali di quanti ne abbia prodotti nell'anno, e le nostre scorte di riporto (definite come la quantità di cibo che abbiamo, a livello globale, alla fine dell'anno per vederci fino al prossimo raccolto) stanno diminuendo .

La buona notizia è che questo declino arriva dopo una serie di buoni anni in cui gli agricoltori hanno consegnato un raccolto monumentale dopo l'altro. Quindi le nostre scorte di riporto sono iniziate l'anno scorso in buone condizioni e ciò significa che attualmente abbiamo conservato circa quattro mesi di cibo. Ma c'è una tendenza al ribasso rispetto a quelle scorte, e questo è preoccupante.

I cambiamenti climatici rappresentano una sfida

E se Madre Natura non fosse simpatica con noi quest'anno?

Dopo tutto, i cambiamenti climatici stanno rendendo più difficile la produzione alimentare. E se dovessimo affrontare una grave siccità in Europa e in Asia, come abbiamo fatto dal 2010 al 2011? O un'altra grande siccità del Midwest simile alla situazione nel 2012 e 2013? E se COVID-19 non andasse via entro l'estate?

Se dovesse accadere una di queste cose, potremmo non avere i buffer per proteggerci. E non dovremo preoccuparci di carta igienica e disinfettante per le mani. Potrebbe essere grano, riso e mais.

I pericoli di un sistema alimentare "Basta abbastanza, giusto in tempo" Il grano viene raccolto in un campo del Kansas a giugno 2018. THE CANADIAN PRESS / AP / Charlie Riedel

Oggi, la saggezza convenzionale è che la città media del Nord America ha una scorta di tre giorni di cibo fresco (le forniture di cibo essiccato, in scatola e altre conserve dureranno un po 'più a lungo). Questo, secondo alcuni, significa che siamo tutti e sempre e solo "Nove pasti dall'anarchia." Fortunatamente, i negozi di alimentari nordamericani hanno sofisticate catene di approvvigionamento, quindi nessuno sta seriamente suggerendo che gli acquisti in preda al panico degli ultimi giorni che hanno svuotato gli scaffali continueranno. Tuttavia, i sistemi da cui dipendiamo sono, per molti versi, fragili e intrinsecamente vulnerabili.

Con ogni probabilità, COVID-19 passerà e la maggior parte di noi subirà solo battute d'arresto economiche a causa di salari persi e interruzioni legate a cancellazioni, viaggi e riunioni. Ma in seguito, è importante chiedersi se noi - come società - considereremo questo come un momento per imparare un po 'sulla fragilità del mondo moderno.

Lavoreremo collettivamente per mettere la resilienza insieme all'efficienza come motore primario per sistemi su cui dipendiamo ogni giorno per nutrirci?The Conversation

Circa l'autore

Evan Fraser, professore, direttore dell'Arrell Food Institute e presidente di ricerca canadese Tier 1 in Global Food Security, Università di Guelph

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Un cambiamento sta per arrivare...
by Marie T. Russell, InnerSelf
(30 maggio 2020) Mentre guardo le notizie sugli eventi di Philadephia e di altre città del paese, il mio cuore fa male per ciò che sta traspirando. So che questo fa parte del grande cambiamento che sta prendendo ...
Una canzone può elevare il cuore e l'anima
by Marie T. Russell, InnerSelf
Ho diversi modi in cui uso per cancellare l'oscurità dalla mia mente quando trovo che si è insinuato. Uno è il giardinaggio o il trascorrere del tempo nella natura. L'altro è il silenzio. Un altro modo è leggere. E uno che ...
Perché Donald Trump potrebbe essere il più grande perdente della storia
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Tutta questa pandemia di coronavirus sta costando una fortuna, forse 2 o 3 o 4 fortune, tutte di dimensioni sconosciute. Oh sì, e centinaia di migliaia, forse un milione di persone moriranno prematuramente come diretto ...
Mascotte della pandemia e tema musicale per il distanziamento sociale e l'isolamento
by Marie T. Russell, InnerSelf
Mi sono imbattuto in una canzone di recente e mentre ascoltavo i testi, ho pensato che sarebbe stata una canzone perfetta come "tema musicale" per questi tempi di isolamento sociale. (Testo sotto il video.)
Lasciare Randy Imbuto My Furiousness
by Robert Jennings, InnerSelf.com
(Aggiornato 4-26) Non sono stato in grado di scrivere a destra una cosa che sono disposto a pubblicare questo mese scorso, vedi, sono furioso. Voglio solo scatenarmi.