La povertà non è inevitabile: cosa possiamo fare ora per cambiare le cose

La povertà non è inevitabile: cosa possiamo fare ora per cambiare le cose

Avere la povera gente nel paese più ricco del mondo è una scelta. Abbiamo i soldi per risolvere questo. Ma abbiamo la volontà?

Disuguaglianza e povertà sono improvvisamente argomenti caldi, non solo negli Stati Uniti ma anche in tutto il mondo. Sin dai primi 1980, c'è stata una crescente sottoclasse in America. Allo stesso tempo una classe molto più piccola, ora chiamata superrico, costruì la sua ricchezza a livelli di opulenza che non si vedevano da quando Luigi XVI francese. Nonostante ciò, la disuguaglianza risultante è passata in gran parte inosservata.

Quando la Grande Recessione di 2008 ha colpito, e la divisione tra i molto ricchi e il resto di noi è stata messa a fuoco, varie persone e gruppi, incluso il movimento Occupy, hanno iniziato a insistere pubblicamente sul fatto che tassiamo la ricchezza. Ma comunque, aiutare i poveri è stata soprattutto una discussione ai margini. Alla fine, i termini del dibattito pubblico sono cambiati, perché la disuguaglianza e la povertà sono ora dibattute regolarmente nei media mainstream e in tutto lo spettro politico, non solo dal lavoro, dalla sinistra e da altri che immaginano una nuova economia.

L'inserimento di un argomento così controverso nel discorso mainstream è economista francese Thomas Piketty. Il suo 700-page tomo, Il capitale nel XXI secolo, Sconvolto tutti quest'anno, quando ha fatto Il New York Times lista dei bestseller e librerie si sono trovati backordering un economia prenota per legioni di lettori avidi.

Piketty fece ricerche esaustive di documenti fiscali dalla Gran Bretagna, dalla Francia e dagli Stati Uniti, risalenti al 18esimo secolo in Francia. Usando sofisticate modellizzazioni e analisi di computer, il professore della Paris School of Economics sfata un'ipotesi di lungo periodo: il reddito derivante dai salari tenderà a crescere più o meno allo stesso tasso della ricchezza, e invece renderà irresistibile il caso in cui, nel tempo, il l'apparato del capitalismo fa crescere la ricchezza più velocemente dei salari. Risultato: la disuguaglianza tra i ricchi e tutti gli altri si allargherà sempre più velocemente; e, senza una tassazione progressiva, i suoi dati mostrano che torneremo a livelli di disuguaglianza non visti dall'epoca d'oro dell'America.

Piketty, nessun marxista, sostiene che una soluzione si trova in una "confisca" della ricchezza: gli stipendi più alti di $ 500,000 a 80 per cento in tutto il mondo e la ricchezza fiscale a 15 per cento in tutto il mondo. Ogni anno.

A meno che non possiamo invertire le tendenze di disuguaglianza degli ultimi anni 35, dice Piketty, il conseguente caos sociale finirà per distruggere la democrazia. Sfortunatamente, nemmeno Piketty vede molte possibilità di tutte le nazioni sulla Terra che attuano simultaneamente i suoi piani fiscali.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Ma almeno ha scatenato una discussione molto diffusa. E per fortuna, altri hanno scavato in profondità, pensieroso nelle stesse domande, e hanno alcune idee pratiche e realizzabili per invertire le tendenze povertà e disuguaglianza.

Indagine

Il vincitore del premio Pulitizer Hedrick Smith ha creato un pageturner chiamato Chi ha rubato il sogno americano? Nonostante il suo titolo di whodunnit, Smith rivela i criminali molto prima che tu finisca il libro. L'ex New York Times reporter usa storie di dati e di vita reale per costruire una causa contro gli amministratori delegati americani e i politici che eseguono i loro ordini.

livello di povertà2Tra 1945 e 1973, osserva Smith, la produttività degli operai degli Stati Uniti è cresciuta del 96 per cento, e sono stati premiati con un aumento percentuale 94 delle loro retribuzioni. Tra 1973 e 2011, anni in parallelo al collasso della classe media, la produttività degli operai degli Stati Uniti è cresciuta del 80 per cento, ma quei dipendenti sempre più produttivi hanno visto solo un aumento percentuale 10 delle loro retribuzioni. Milioni di persone che hanno creato quella ricchezza sono state così spinte verso la povertà o verso il suo precipizio, mentre coloro che immaginavano un sistema economico neomedievalico hanno trasferito miliardi di profitti, generati da quel lavoro, verso l'alto.

Gar Alperovitz è professore di economia politica presso l'Università del Maryland. Come Smith, Alperovitz fa una domanda con il titolo del suo libro: Cosa dobbiamo fare allora? Per essere più precisi, avrebbe potuto chiamarlo "Ecco cosa stiamo già facendo" per creare nuovi modelli che possano ispirare una nuova economia.

Ciò che rende preziose le idee di Alperovitz è che non solo espone una serie di alternative che già tengono le persone lontane dalla povertà, ma anche soluzioni su cui possiamo costruire strategie che, nel tempo, potrebbero sostituire il capitalismo aziendale.

livello di povertà

E sostituire il capitalismo non è più inverosimile. In 2013, Alperovitz è stato invitato a rivolgersi all'Academy of Management, un gruppo per lo più di consulenti aziendali e professori di business school con membri 20,000 in tutto il mondo "e l'obiettivo principale dell'incontro era: il capitalismo è finito? E, in tal caso, dove sono stiamo andando? "Alperovitz ha sottolineato durante una lunga conversazione. "Anche queste persone sono ora aperte a nuove idee".

Smith fa un punto simile. Il sistema americano è ora così chiaramente rotto che persino alcuni dirigenti aziendali chiedono un "piano Marshall interno" per riparare la nostra economia. Dal loro modo di pensare e dagli altri, propone una proposta per reclamare il sogno americano.

Inizia, dice, creando una partnership pubblico-privato per generare 5 milioni di nuovi posti di lavoro nella ricostruzione di infrastrutture: ponti, autostrade e corridoi ferroviari. Aumentare gli investimenti pubblici nella ricerca scientifica e tecnologica per sostenere l'innovazione negli Stati Uniti e stimolare una rinascita della produzione.

Rendere più equa l'imposta sul reddito, che farà diminuire la disuguaglianza, quindi fissare la struttura fiscale delle imprese in modo che promuove posti di lavoro americani e limita l'outsourcing. Allo stesso tempo, costringere la Cina a vivere fino a principi etici di trading perché sarebbe generare fino a 4 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti.

Possiamo tagliare il bilancio del Pentagono di $ 1 trilioni - non molto più del 10% delle spese militari annuali - nel prossimo decennio, dice Smith, e pompare i soldi in questo Piano Marshall nazionale. Dovremmo anche rifinanziare milioni di case ora "sott'acqua" e rafforzare programmi di sicurezza come Net Social Security e Medicare.

La cattiva notizia: gran parte di questo nuovo Piano Marshall dipende dall'azione del Congresso, dove tali idee hanno poche possibilità finché prevale l'ingorgo.

"Cambiare la direzione dell'America non sarà facile", dice Smith. "Accadrà solo se c'è un populista, un'ondata di base che lo richiede, come i movimenti di massa degli 1960 e degli 1970".

Il nostro sistema politico è rotto come il nostro sistema economico. Ma gli americani potrebbero mobilitarsi per riformare la politica elettorale e ridurre l'influenza del denaro nelle elezioni. E per coloro che sono disincantati dal governo, Smith raccomanda di dare un'occhiata a quanto bene sta lavorando per la superclasse finanziaria attiva e mobilitata.

Nel frattempo

livello di povertà1Mentre stiamo lavorando per mobilitare per riprendere la nostra democrazia, possiamo iniziare dal basso verso l'alto per "democratizzare la ricchezza", come sostengono sia Piketty che Alperovitz. Alperovitz ha meno fiducia nelle istituzioni top-down rispetto a Smith (il sottotitolo di Cosa faremo allora? is Straight Talk sulla prossima rivoluzione americana ). Egli elabora soluzioni di tipo bottom-up già in uso in tutta l'America che offrono alternative superiori allo status quo. Ecco un campionamento:

Proprietà del lavoratore

Non sono solo piccole start-up e cooperative. Alperovitz indica la società classificata 48th su Forbes elenco delle più grandi compagnie private statunitensi: Hy-Vee, una catena di supermercati del Midwest che attualmente ha più di dipendenti 69,000 e più di $ 8 miliardi di vendite, è di proprietà dei dipendenti attraverso un programma di partecipazione agli utili. WL Gore & Associates, produttore di Gore-Tex, è di proprietà di 1974 dai suoi dipendenti, attualmente più di 10,000 nei paesi 30, generando un fatturato annuo di circa $ 3 miliardi.

Già, alcune società 11,000 che impiegano 10.3 milioni di persone operano in base a tali piani di partecipazione azionaria dei dipendenti, con una maggiore formazione regolare.

Imprese sociali

Pioneer Human Services, a Seattle, è un esempio da manuale di questo modello, una forma di proprietà democratica che utilizza il denaro che guadagna e le imprese che crea per raggiungere scopi sociali più ampi. Secondo Alperovitz, gran parte del budget annuale di 67 milioni di dollari di Pioneer proviene dalle attività che ha creato. L'organizzazione produce migliaia di parti lavorate per la Boeing, approvvigiona più di 1,500 pasti al giorno per ospedali e altre strutture e impiega quasi persone 1,000 classificate come in difficoltà o non impiegabili. Pioniere è solo una delle tante imprese sociali che fanno del bene e democratizzano la ricchezza.

Cooperative tradizionali

Alperovitz afferma che più di 130 milioni di americani - più del 40 per cento della popolazione - appartengono a una o più cooperative. Non solo cooperative alimentari, ma anche cooperative agricole, cooperative elettriche, cooperative di assicurazione, cooperative di vendita al dettaglio (come REI) e cooperative di proprietà dei dettaglianti (come ACE Hardware), assistenza sanitaria ops, cooperative di alta tecnologia, cooperative di artisti e cooperative di credito. L'Alleanza per lo sviluppo del potere, nel Massachusetts occidentale, ha sviluppato quella che Alperovitz chiama una "economia comunitaria" di $ 80 milioni di cooperative di edilizia abitativa e altre attività a controllo cooperativo.

Società di sviluppo della comunità

Quasi 5,000 tali organizzazioni ora operano in grandi città degli Stati Uniti. Questi incubano principalmente le piccole imprese e sviluppano alloggi a basso reddito. A Newark, afferma Alperovitz, la New Community Corporation si avvale di residenti di quartiere 600, gestisce unità abitative 2,000 e ha accumulato $ 500 milioni in attività. I profitti delle sue attività, che includono un centro commerciale, aiutano a supportare i programmi di assistenza diurna e doposcuola e una casa di riposo.

Land Trust

Oggi ne esistono centinaia, sia urbane che rurali. Prendendo terra dal mercato speculativo e democratizzando la proprietà, tali organizzazioni non profit impediscono la gentrificazione e sostengono gli alloggi a reddito basso e moderato con profitti di sviluppo. Secondo 2012, Alperovitz afferma che i fondi fondiari 255 operavano negli stati 45 e nel distretto di Columbia.

Imprese di proprietà del governo e operative

Oggi, più del 50 percento delle città più grandi di 100,000 stanno facendo investimenti azionari municipali nelle attività locali. Ora è il momento, dice Alperovitz, di espandere questi investimenti a cooperative, imprese di proprietà dei dipendenti, imprese sociali e sviluppo di terreni non a scopo di lucro. "Se hai intenzione di prendere sul serio il cambiamento sistemico - non solo i" progetti "- alla fine dovrai considerare ciò che il governo fa", dice, "e come può essere usato per promuovere la visione e il modello tu affermi. "

Forme di questo stanno già accadendo da Cleveland a San Diego. Una delle prime fu Boston, che in 1976 ristrutturò la storica Fanueil Hall, trasformandola in Faneuil Hall Marketplace, un centro commerciale del centro con negozi 49, ristoranti e pub 18 e carrelli a spinta 44. Invece di consegnare le cose al suo partner di joint-venture, la Rouse Company, la città ha mantenuto la proprietà sotto la proprietà comunale e ha ricavato profitti al posto delle tasse sulla proprietà di Rouse. La strategia ha guadagnato alla città 40 una percentuale in più di entrate che avrebbe raccolto in tasse.

Un altro esempio: sempre più città stanno costruendo e posseggono hotel e utilizzano i profitti per sostenere i loro budget emaciati. Dallas, in Texas, non noto per il collettivismo di sinistra, ha aperto il 500 milioni di dollari, 23-story, 1001-room Omni Dallas Hotel in 2011.

Trasforma le banche troppo grandi per fallire

"Costruire dal basso verso l'alto, nel tempo, è in realtà come si trasformano i sistemi."

Trasformate le banche troppo grandi per fallire e le altre società private che falliscono nell'insolvenza, in servizi di pubblica utilità. La prossima volta che le truffe rischiose della Bank of America minacciano di implodere l'economia mondiale, Alperovitz dice che dovremmo salvare la banca e assumere la proprietà pubblica della società. Se quell'idea sembra radicale, è nata dagli economisti militarmente conservatori della Scuola di Economia di Chicago durante la Grande Depressione.

"Ogni industria dovrebbe essere effettivamente competitiva o socializzata", scrisse Harry C. Simon, uno dei pensatori venerati della scuola. Simon e sette dei suoi colleghi conservatori proposero un "Piano di Chicago" che richiedeva la proprietà pubblica delle banche della Federal Reserve, nazionalizzando la creazione di denaro e trasformando le banche private in associazioni di risparmio e prestito altamente limitate.

Oppure, nella versione 21st secolo di Alperovitz, "Prendili; trasformali in servizi pubblici. "

Bisogno di strategia

Ora esistono molte altre idee per la democratizzazione della ricchezza, che possono iniziare in piccolo e in scala fino a grandi imprese, anche nazionali, che offrono posti di lavoro ben remunerati. Ma Alperovitz avverte: "Ciò che non è ancora accaduto è che le persone non hanno visto questo cambiamento in modo strategico; stanno principalmente sviluppando "progetti" e penso che il prossimo livello sarà quando le persone cominceranno a rendersi conto che questa potrebbe essere una strategia potente, non solo per costruire un movimento, ma in realtà per costruire un potere politico ".

Al momento le società "hanno certamente il potere. Ma io sono uno storico; Penso che in decenni ", dice," non mesi. Il potere va e viene. Potrebbe richiedere 20, anche 50 anni ", aggiungendo che di fronte a così tanti soldi e potere aziendale" potrebbe non essere possibile cambiare il sistema.

"O," aggiunge, dopo una pausa perfetta, "come nel caso della fine dell'apartheid; come nel caso della rivoluzione americana; come nel caso della rivoluzione francese; come nel caso della rivoluzione delle donne; come nel caso della caduta della costruzione del comunismo dal basso verso l'alto, nel tempo, è in realtà come si trasformano i sistemi ".

livello di povertà3

Questo articolo è originariamente apparso su SÌ! Rivista


ADama di pattonl'autore

Dean Paton ha scritto questo articolo per La fine della povertà, il numero di 2014 dell'autunno di SÌ! Rivista. Dean è direttore esecutivo di SÌ! Rivista.


Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Che cosa dobbiamo fare allora ?: Straight Talk sulla prossima rivoluzione americana
di Gar Alperovitz

Che cosa dobbiamo fare allora ?: Discorso diretto sulla prossima rivoluzione americana di Gar AlperovitzIn Cosa dobbiamo fare allora? Gar Alperovitz parla direttamente al lettore di dove ci troviamo nella storia, perché è giunto il momento giusto per un movimento di nuova economia di coalizzarsi, cosa significa costruire un nuovo sistema per sostituire quello fatiscente e come potremmo iniziare. Suggerisce anche come potrebbe essere il prossimo sistema - e dove possiamo vedere i suoi contorni, come un'immagine che lentamente emerge nei vassoi in via di sviluppo della camera oscura di un fotografo, già prendendo forma. Propone un possibile sistema successivo che non sia il capitalismo aziendale, non il socialismo di stato, ma qualcos'altro interamente e qualcosa di interamente americano.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}