Perché così tante grandi informatori della tecnologia sono donne?

informatori donne 6 7
Perché così tante grandi informatori della tecnologia sono donne? La stragrande maggioranza dei grandi informatori tecnologici di alto profilo negli ultimi anni sono state donne. Elke Meitzel/Fonte immagine tramite Getty Images

Un certo numero di informatori di alto profilo nel settore tecnologico sono entrati sotto i riflettori negli ultimi anni. Per la maggior parte, hanno rivelato pratiche aziendali che contrastano l'interesse pubblico: Frances Haugen ha denunciato sfruttamento dei dati personali presso Meta, Timnit Gebru e Rebecca Rivers hanno sfidato Google etica e Problemi di IA, e Janneke Parrish ha espresso preoccupazione in merito una cultura del lavoro discriminatoria in Apple, Tra gli altri.

Molti di questi informatori sono donne, molto di più, a quanto pare, delle percentuale di donne che lavorano nel settore tecnologico. Ciò solleva la questione se le donne abbiano maggiori probabilità di essere informatori nel campo tecnologico. La risposta breve è: "È complicato".

Per molti, il whistleblowing è l'ultima risorsa per convincere la società ad affrontare problemi che non possono essere risolti all'interno di un'organizzazione, o almeno dall'informatore. Parla dello stato organizzativo, del potere e delle risorse dell'informatore; l'apertura, la comunicazione ei valori dell'organizzazione in cui operano; e alla loro passione, frustrazione e impegno per il problema che vogliono vedere affrontato. Gli informatori sono più concentrati sull'interesse pubblico? Più virtuoso? Meno influenti nelle loro organizzazioni? Sono queste possibili spiegazioni per il motivo per cui così tante donne stanno denunciando la grande tecnologia?

Per indagare su queste domande, noi, a informatico e sociologo, ha esplorato la natura della denuncia di irregolarità tecnologica, l'influenza del genere e le implicazioni per il ruolo della tecnologia nella società. Quello che abbiamo trovato è stato complesso e intrigante.

Narrativa di virtù

Il whistleblowing è un fenomeno difficile da studiare perché la sua manifestazione pubblica è solo la punta dell'iceberg. La maggior parte delle segnalazioni è confidenziale o anonima. In apparenza, la nozione di informatore femminile si adatta al narrativa prevalente che le donne sono in qualche modo più altruiste, focalizzate sull'interesse pubblico o moralmente virtuose degli uomini.

Prendi in considerazione un argomento avanzato dalla New York State Woman Suffrage Association in giro dando alle donne americane il diritto di voto negli anni '1920: “Le donne sono, per natura e formazione, domestiche. Che diano loro una mano nelle pulizie della città, anche se introducono occasionali pulizie domestiche”. In altre parole, dare alle donne il potere di voto aiuterebbe a “ripulire” il pasticcio che gli uomini hanno combinato.

Più recentemente, un argomento simile è stato utilizzato nel passaggio all'applicazione del traffico di sole donne in alcune città dell'America Latina partendo dal presupposto che le poliziotte sono più insensibili alle tangenti. In effetti, le Nazioni Unite hanno recentemente identificato l'emancipazione globale delle donne come chiave per ridurre la corruzione e la disuguaglianza nei suoi obiettivi di sviluppo mondiale.

Ci sono dati che mostrano che le donne, più degli uomini, sono associate a livelli più bassi di corruzione nel governo e negli affari. Ad esempio, gli studi dimostrano che il maggiore è la quota di funzionari eletti di sesso femminile nei governi di tutto il mondo, minore è la corruzione. Sebbene questa tendenza rifletta in parte la tendenza dei governi meno corrotti a eleggere più spesso donne, ulteriori studi mostrano a effetto causale diretto dell'elezione di leader donne e, a sua volta, ridurre la corruzione.

Anche studi sperimentali e indagini attitudinali lo dimostrano le donne sono più etiche nei rapporti d'affari rispetto ai loro colleghi maschie uno studio che utilizza dati sui rapporti reali a livello di impresa conferma che le imprese guidate da donne sono direttamente associata a una minore incidenza di corruzione. Molto di questo probabilmente dipende dalla socializzazione di uomini e donne in ruoli di genere diversi nella società.


 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

Suggerimenti, ma senza dati concreti

Sebbene le donne possano essere acculturate a comportarsi in modo più etico, questo lascia aperta la questione se sia davvero più probabile che siano informatori. I dati completi su chi segnala illeciti sono elusivi, ma gli studiosi cercano di rispondere alla domanda chiedendo alle persone il loro orientamento alla denuncia di irregolarità nei sondaggi e nelle vignette. In questi studi, l'effetto di genere è inconcludente.

Tuttavia, le donne sembrano più disposte degli uomini a denunciare le irregolarità quando possono farlo in modo confidenziale. Questo può essere correlato al fatto che le informatori di sesso femminile possono essere soggette a tassi più elevati di rappresaglia rispetto agli informatori maschi.

Nel campo della tecnologia, c'è un fattore aggiuntivo in gioco. Le donne sono sottorappresentate sia nel numero che nel potere organizzativo. I "Big Five" nella tecnologia - Google, Meta, Apple, Amazon e Microsoft - sono ancora in gran parte bianco e maschio.

Attualmente le donne rappresentano circa il 25% della loro forza lavoro tecnologica e circa il 30% della loro leadership esecutiva. Le donne sono abbastanza diffuse ora da evitare di essere token, ma spesso non hanno lo status di insider e le risorse per effettuare il cambiamento. Mancano anche del potere che a volte corrompe, indicato come il divario di opportunità di corruzione.interesse. In precedenza aveva fatto trapelare documenti interni dell'azienda per dimostrare che Meta era consapevole del danno che stava causando. AP Photo / Alex Brandon

Nell'interesse pubblico

Spesso le persone emarginate mancanza di senso di appartenenza e inclusione nelle organizzazioni. Il lato positivo di questa esclusione è che quelle persone potrebbero sentirsi meno obbligate a seguire la linea quando vedono il male. Alla luce di tutto ciò, è probabile che una combinazione di socializzazione di genere e status di outsider femminile nella grande tecnologia crei una situazione in cui le donne sembrano essere gli informatori prevalenti.

Può darsi che il whistleblowing nel settore tecnologico sia il risultato di una tempesta perfetta tra i problemi di genere e di interesse pubblico del settore. Non esistono dati chiari e conclusivi, e senza prove concrete la giuria è fuori. Ma la prevalenza di informatori di sesso femminile nella big tech è emblematica di entrambe queste carenze e gli sforzi di questi informatori sono spesso volti a rafforzare la diversità e ridurre i danni che la big tech provoca alla società.

Più di qualsiasi altro settore aziendale, la tecnologia pervade la vita delle persone. La grande tecnologia crea gli strumenti che le persone usano ogni giorno, definisce le informazioni che il pubblico consuma, raccoglie dati sui pensieri e sul comportamento degli utenti e svolge un ruolo importante nel determinare se la privacy, la sicurezza e il benessere sono supportati o compromessi.

Eppure, la complessità, le protezioni della proprietà intellettuale proprietaria e l'ubiquità delle tecnologie digitali rendono difficile per il pubblico misurare i rischi personali e l'impatto sociale della tecnologia. Gli odierni firewall culturali aziendali rendono difficile comprendere le scelte che portano allo sviluppo di prodotti e servizi che così dominano la vita delle persone.

Di tutte le aree della società che necessitano di trasparenza e di una maggiore attenzione all'interesse pubblico, riteniamo che la priorità più urgente sia la grande tecnologia. Ciò rende ancora più importante il coraggio e l'impegno degli informatori di oggi.

Circa l'autoreThe Conversation

Francine Berman, Direttore della tecnologia di interesse pubblico e professore di ricerca Stuart Rice, UMass Amherst e Jennifer Lundquist, Professore di sociologia, UMass Amherst

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



Potrebbe piacerti anche

segui InnerSelf su

facebook icontwitter iconicona di YouTubeicona di instagramicona pintresticona rss

 Ricevi l'ultimo tramite e-mail

Rivista settimanale Ispirazione quotidiana

LINGUE DISPONIBILI

enafarzh-CNzh-TWdanltlfifrdeeliwhihuiditjakomsnofaplptroruesswsvthtrukurvi

PIU 'LEGGI

bambino sorridente
Rinominare e Rivendicare il Sacro
by Phyllida Anam-Áire
Passeggiare nella natura, mangiare cibo delizioso, poesia, giocare con i nostri bambini, ballare e cantare,…
Un altare dell'equinozio
Realizzazione di un altare dell'equinozio e altri progetti di equinozio d'autunno
by Ellen Ever Hopman
L'equinozio d'autunno è il momento in cui i mari diventano agitati quando iniziano le tempeste invernali. È anche il...
ragazzi curiosi 9 17
5 modi per mantenere i bambini curiosi
by Perry Zurn
I bambini sono naturalmente curiosi. Ma varie forze nell'ambiente possono smorzare la loro curiosità su...
moneta digitale 9 15
Come il denaro digitale ha cambiato il modo in cui viviamo
by Daromir Rudnyckyj
In parole povere, la moneta digitale può essere definita come una forma di valuta che utilizza le reti di computer per...
Come i geni, i tuoi microbi intestinali passano da una generazione all'altra
Come i geni, i tuoi microbi intestinali passano da una generazione all'altra
by Taichi A. Suzuki e Ruth Ley
Quando i primi esseri umani si trasferirono fuori dall'Africa, portarono con sé i loro microbi intestinali. Risulta,...
abbandono tranquillo 9 16
Perché dovresti parlare con il tuo capo prima di "smetterla tranquillamente"
by Cary Cooper
Abbandonare il silenzio è un nome accattivante, reso popolare sui social media, per qualcosa che probabilmente tutti noi abbiamo...
energia rinnovabile 9 15
Perché non è anti-ambientale essere favorevoli alla crescita economica
by Eoin McLaughlin et
Nel mezzo dell'odierna crisi del costo della vita, molte persone che criticano l'idea di un'economia...
nascondere l'inflazione 9 14
3 modi in cui le aziende cambiano i loro prodotti per nascondere l'inflazione
by Adriano Palmer
Ci sono alcune modifiche al prodotto che le aziende possono e fanno per provare a piegare silenziosamente un aumento ...

Nuovi atteggiamenti - Nuove possibilità

InnerSelf.comClimateImpactNews.com | InnerPower.net
MightyNatural.com | WholisticPolitics.com | Mercato InnerSelf
Copyright © 1985 - 2021 Innerself Pubblicazioni. Tutti i diritti riservati.