Come i pandemici passati e presenti alimentano l'ascesa delle mega corporazioni

Pandemics Past And Present alimentano l'ascesa di mega-corporazioni

Il trionfo della morte, Pieter Bruegel il Vecchio, 1562.

Nel giugno del 1348, le persone in Inghilterra iniziarono a riferire sintomi misteriosi. Iniziarono come lievi e vaghi: mal di testa, dolori e nausea. Questo è stato seguito da dolorosi grumi neri, o bubboni, che crescevano sotto le ascelle e l'inguine, che ha dato il nome alla malattia: peste bubbonica. L'ultima fase è stata la febbre alta, e poi la morte.

Originari dell'Asia centrale, soldati e carovane avevano portato la peste bubbonica - Yersina pestis, un batterio trasportato da pulci che vivevano su topi - ai porti sul Mar Nero. Il mondo altamente commerciale del Mediterraneo ha assicurato il rapido trasferimento della peste sulle navi mercantili in Italia, e poi in tutta Europa. La morte nera uccisa tra un terzo e mezzo della popolazione dell'Europa e del Vicino Oriente.

Questo enorme numero di morti è stato accompagnato da una generale devastazione economica. Con un terzo della forza lavoro morta, i raccolti non poterono essere raccolti e le comunità andarono in pezzi. Uno su dieci villaggi nel Inghilterra (e in Toscana e altre regioni) andarono perse e non furono mai rifondate. Le case caddero nel terreno e furono coperte da erba e terra, lasciando solo la chiesa alle spalle. Se vedi mai una chiesa o una cappella tutta sola in un campo, probabilmente stai guardando gli ultimi resti di uno dei villaggi perduti d'Europa.

L'esperienza traumatica della Morte Nera, che ha ucciso forse l'80% di coloro che l'hanno catturata, ha spinto molte persone a scrivere nel tentativo di dare un senso a ciò che avevano vissuto. Ad Aberdeen, Giovanni di Fordun, cronista scozzese, registrato che:

Questa malattia colpiva le persone ovunque, ma soprattutto le classi medie e inferiori, raramente le grandi. Ha generato un tale orrore che i bambini non hanno avuto il coraggio di visitare i loro genitori morenti, né i genitori i loro figli, ma sono fuggiti per paura del contagio come se dalla lebbra o da un serpente.

Queste righe potrebbero quasi essere state scritte oggi.


Ricevi le ultime novità da InnerSelf


Sebbene il tasso di mortalità per COVID-19 sia di gran lunga inferiore a quello della Morte Nera, la ricaduta economica è stata grave a causa della natura globalizzata e altamente integrata delle economie moderne. Aggiungete a questo le nostre popolazioni altamente mobili oggi e il coronavirus, a differenza della peste, si è diffuso in tutto il mondo nel giro di pochi mesi, non di anni.

Mentre la Morte Nera ha provocato danni economici a breve termine, le conseguenze a lungo termine sono state meno evidenti. Prima dell'eruzione della peste, diversi secoli di crescita della popolazione avevano prodotto un surplus di manodopera, che fu bruscamente sostituito da una carenza di manodopera quando morirono molti servi e contadini liberi. Gli storici hanno discusso che questa carenza di manodopera ha permesso a quei contadini sopravvissuti alla pandemia di chiedere una retribuzione migliore o di cercare lavoro altrove. Nonostante la resistenza del governo, il servo e il sistema feudale furono infine erosi.

Pandemics Past And Present alimentano l'ascesa di mega-corporazioni Il popolo di Tournai seppellisce le vittime della Morte Nera, c.1353. Wikimedia Commons

Ma un'altra conseguenza meno frequente della morte nera fu l'ascesa di ricchi imprenditori e legami tra governo e affari. Sebbene la Morte Nera abbia causato perdite a breve termine per le più grandi società europee, a lungo termine, hanno concentrato le loro attività e guadagnato una maggiore quota di mercato e influenza con i governi. Ciò ha forti parallelismi con la situazione attuale in molti paesi del mondo. Mentre le piccole aziende fanno affidamento sul sostegno del governo per impedire il loro collasso, molte altre, soprattutto quelle molto più grandi coinvolte nella consegna a domicilio, traggono proficuamente profitto dalle nuove condizioni commerciali.

L'economia della metà del XIV secolo è troppo lontana dalle dimensioni, dalla velocità e dall'interconnessione del mercato moderno per fornire confronti esatti. Ma possiamo certamente vedere dei parallelismi con il modo in cui la Morte Nera ha rafforzato il potere dello stato e accelerato il dominio dei mercati chiave da una manciata di mega-corporazioni.

Affari di morte nera

L'improvvisa perdita di almeno un terzo della popolazione europea non ha portato a una ridistribuzione uniforme della ricchezza per tutti gli altri. Invece, le persone hanno risposto alla devastazione mantenendo i soldi all'interno della famiglia. Wills è diventato altamente specifico e ricchi uomini d'affari, in particolare, ha fatto di tutto per assicurarsi che il loro patrimonio non fosse più suddiviso dopo la morte, sostituendo la precedente tendenza a lasciare un terzo di tutto il loro risorse in beneficenza. I loro discendenti hanno beneficiato di una continua concentrazione di capitale in un numero sempre più piccolo di mani.

Allo stesso tempo, il declino del feudalesimo e l'ascesa di un'economia basata sui salari in seguito alle richieste dei contadini di migliori condizioni di lavoro hanno giovato alle elite urbane. Essere pagati in contanti, piuttosto che in natura (nella concessione di privilegi come il diritto di raccogliere legna da ardere), significava che i contadini avevano più soldi da spendere nelle città.

Questa concentrazione di ricchezza ha accelerato notevolmente una tendenza preesistente: l'emergere di imprenditori mercantili che hanno combinato il commercio di beni con la loro produzione su una scala disponibile solo per quelli con ingenti somme di capitale. Ad esempio, la seta, una volta importata dall'Asia e da Bisanzio, veniva ora prodotta in Europa. Ricchi commercianti italiani cominciò ad aprirsi laboratori di seta e stoffa.

Pandemics Past And Present alimentano l'ascesa di mega-corporazioni Europa nel 1360. Wikimedia Commons

Questi imprenditori erano in una posizione unica per rispondere all'improvvisa carenza di manodopera causata dalla Morte Nera. A differenza dei tessitori indipendenti, a cui mancava la capitale, e a differenza degli aristocratici, la cui ricchezza era rinchiusa nella terra, gli imprenditori urbani erano in grado di utilizzare il loro capitale liquido per investire in nuove tecnologie, compensando la perdita di lavoratori con le macchine.

Nella Germania meridionale, che divenne una delle aree più commercializzate d'Europa alla fine del XIV e XV secolo, aziende come la Welser (che in seguito gestì il Venezuela come a colonia privata) combinava il lino in crescita con il possesso dei telai su cui i lavoratori trasformavano quel lino in un panno di lino, che poi il Welser vendeva. La tendenza della morte post-nera del XIV e XV secolo fu una concentrazione di risorse - capitale, abilità e infrastrutture - nelle mani di un piccolo numero di corporazioni.

L'era di Amazon

Passando al presente, ci sono alcune evidenti somiglianze. Alcune grandi organizzazioni hanno aumentato le opportunità offerte da COVID-19. In molti paesi del mondo, intere ecologie di piccoli ristoranti, pub e negozi sono state improvvisamente chiuse. Il mercato del cibo, della vendita al dettaglio in generale e dell'intrattenimento è andato online e il denaro è praticamente scomparso.

La percentuale di calorie fornite dai ristoranti deve essere reinstradata nei supermercati e gran parte di questa offerta è stata ora assorbita da catene di supermercati. Hanno un sacco di grandi proprietà e un sacco di personale, con la capacità delle risorse umane reclutare più rapidamente e ci sono molte persone sottoccupate che ora vogliono un lavoro. Hanno anche magazzini, camion e complesse capacità logistiche.

L'altro grande vincitore sono stati i giganti della vendita al dettaglio online, come Amazon, che gestisce un servizio "Prime Pantry" negli Stati Uniti, in India e in molti paesi europei. I negozi di High Street soffrono da anni della concorrenza sui prezzi e sulla convenienza di Internet, e i fallimenti sono notizie regolari. Ora, molti spazi di vendita "non essenziali" sono chiusi e i nostri desideri sono stati reindirizzati attraverso Amazon, eBay, Argos, Screwfix e altri. C'è stato un picco evidente nello shopping online e gli analisti al dettaglio si stanno chiedendo se si tratta di una mossa decisiva nel mondo virtuale e dell'ulteriore dominio delle grandi società.

A farci distrarre mentre aspettiamo a casa i nostri pacchi è l'industria dell'intrattenimento in streaming - un settore di mercato che è dominato da grandi aziende come Netflix, Amazon Prime (di nuovo), Disney e altri. Altri giganti online come Google (che possiede YouTube), Facebook (che possiede Instagram) e Twitter forniscono le altre piattaforme che dominano il traffico online.

L'ultimo anello della catena sono le stesse società di consegna: UPS, FedEx, Amazon Logistics (di nuovo), nonché la consegna di cibo da Just Eat e Deliveroo. Attraverso i loro modelli di business sono diversi, le loro piattaforme ora dominano i movimenti di prodotti di ogni tipo, sia che si tratti della nuova Amazon Fire TV a marchio Toshiba o della crosta farcita di Pizza Hut (una filiale di Yum! Brands, che possiede anche KFC, Taco Bell e altri).

L'altro passaggio al dominio delle imprese è stato l'allontanamento dai contanti sostenuti dallo Stato verso i servizi di pagamento senza contatto. È ovviamente un corollario dei mercati online, ma significa anche che il denaro si muove attraverso grandi aziende che prendono la loro fetta per spostarlo. Visa e Mastercard sono i principali giocatori, ma Apple Pay, PayPal e Amazon Pay (di nuovo) hanno visto tutti aumenti del volume delle loro transazioni poiché il denaro è rimasto inutilizzato nelle borse delle persone. E se il denaro è ancora immaginato per essere un vettore per la trasmissione, quindi i rivenditori non lo prenderanno e i clienti non lo useranno.

Le piccole imprese hanno subito un colpo decisivo in una vasta gamma di settori come COVID-19, come la Black Death, fa sì che le grandi aziende guadagnino quote di mercato. Anche quelli che lavorano a casa per scrivere pezzi come questo stanno lavorando su Skype (di proprietà di Microsoft), Zoom e BlueJeans, oltre a utilizzare client e-mail e laptop realizzati da un piccolo numero di organizzazioni globali. I miliardari si arricchiscono mentre la gente comune perde il lavoro. Jeff Bezos, CEO di Amazon, ha aumentato la sua ricchezza di US $ 25 miliardi dall'inizio dell'anno.

Ma questa non è tutta la storia. L'altra grande tendenza nella risposta al virus è stata il rafforzamento del potere dello stato.

Pandemie governative

A livello statale, la Morte Nera ha causato l'accelerazione delle tendenze verso la centralizzazione, la crescita delle imposte e la dipendenza del governo dalle grandi aziende.

In Inghilterra, il declino del valore della terra e le conseguenti riduzioni delle entrate indussero la corona - il più grande proprietario terriero del paese - a tentare di limitare i salari ai livelli pre-pestilenza con il 1351 Statuto dei lavoratorie imporre tasse aggiuntive alla popolazione. In precedenza, il governo avrebbe dovuto finanziarsi, imponendo solo tasse per spese straordinarie come le guerre. Ma le tasse post-pestilenza costituiscono un precedente importante per l'intervento del governo nell'economia.

Questi sforzi del governo furono un significativo aumento del coinvolgimento della corona nella vita quotidiana delle persone. Nelle successive epidemie di peste, che si sono verificate ogni 20 anni circa, il movimento ha iniziato a essere limitato da coprifuoco, divieti di viaggio e quarantene. Ciò faceva parte di una concentrazione generale del potere statale e della sostituzione della precedente distribuzione regionale di autorità con una burocrazia centralizzata. Molti degli uomini che gestiscono l'amministrazione post-peste, come il poeta Geoffrey Chaucer, furono tratti da famiglie mercantili inglesi, alcune delle quali acquisirono un notevole potere politico.

L'esempio più eccezionale di questo è stato il de la Pole, che in due generazioni passò dall'essere mercanti di lana a scafo ai conti di Suffolk. Con il temporaneo crollo del commercio e delle finanze internazionali dopo la Morte Nera, Richard de la Pole divenne il più grande prestatore della corona e un intimo di Richard II. Quando le mega compagnie italiane riemersero tra la fine del XIV e il XV secolo, beneficiarono anche della crescente dipendenza della corona dalle compagnie mercantili. La famiglia dei Medici, che alla fine arrivarono a governare Firenze, ne sono l'esempio più eclatante.

I mercanti ottennero anche influenza politica acquistando terreni, il cui prezzo era calato dopo la Morte Nera. La proprietà terriera permise ai commercianti di entrare nella nobiltà di terra o addirittura nell'aristocrazia, sposando i loro figli con i figli e le figlie dei signori a corto di soldi. Con il loro nuovo status e con l'aiuto di suoceri influenti, le élite urbane ottennero una rappresentanza politica all'interno del parlamento.

Alla fine del XIV secolo, l'estensione del controllo statale da parte del governo e i suoi continui legami con le compagnie mercantili spinse molti nobili a ribellarsi a Riccardo II. Hanno trasferito la loro fedeltà a suo cugino, che divenne Enrico IV, nella (vana) speranza che non avrebbe seguito le politiche di Richard.

Pandemics Past And Present alimentano l'ascesa di mega-corporazioni Incontro di Riccardo II con i ribelli della rivolta dei contadini del 1381. Wikimedia Commons

Questo, e le successive Guerre delle Rose, generalmente rappresentate come uno scontro tra Yorkisti e Lancaster, furono in parte guidate dall'ostilità della nobiltà verso la centralizzazione del potere del governo. La sconfitta di Enrico III da parte di Enrico Tudor nel 1489 pose fine non solo alla guerra, ma annullò anche ulteriori tentativi da parte del baronaggio inglese di riconquistare l'autorità regionale, aprendo la strada al continuo aumento delle corporazioni e del governo centrale.

Lo stato in cui ci troviamo

Il potere dello stato è qualcosa che assumiamo in gran parte nel 21 ° secolo. In tutto il mondo, l'idea della nazione sovrana è stata al centro della politica e dell'economia imperiale degli ultimi secoli.

Ma dagli anni '1970 in poi, divenne comune tra gli intellettuali suggerire che lo stato era meno importante, il suo monopolio del controllo all'interno di un determinato territorio contestato dalle multinazionali. In 2016, delle più grandi 100 entità economiche, 31 erano paesi e 69 erano società. Walmart era più grande dell'economia della Spagna, Toyota più grande dell'India. La capacità di queste grandi aziende di influenzare politici e regolatori è stata abbastanza chiara: considerare gli effetti di compagnie petrolifere sulla negazione del cambiamento climatico.

E dal momento che Margaret Thatcher, primo ministro del Regno Unito dal 1979 al 1990, ha dichiarato che intendeva "far retrocedere lo stato", sempre più parti di beni precedentemente di proprietà statale ora operano come società o come attori di quasi ingegneri statali. mercati. Circa il 25% del servizio sanitario nazionale del Regno Unito, ad esempio, viene fornito attraverso contratti con il settore privato.

In tutto il mondo, i trasporti, i servizi pubblici, le telecomunicazioni, i dentisti, gli ottici, l'ufficio postale e molti altri servizi erano monopoli statali e sono ora gestiti da società a scopo di lucro. Le industrie nazionalizzate o di proprietà statale sono spesso descritte come lente e bisognose di disciplina di mercato per diventare più moderne ed efficienti.

Ma grazie al coronavirus, lo stato è arrivato tornando di nuovo dentro come uno tsunami. La spesa a un livello che è stato deriso come economia dell '"albero dei soldi magici" solo pochi mesi fa è stata indirizzata ai sistemi sanitari nazionali, affrontando il problema di senzatetto, ha fornito un reddito di base universale per milioni di persone e ha offerto garanzie di prestito o pagamenti diretti a una serie di imprese.

Questo è Economia keynesiana su larga scala, in cui le obbligazioni nazionali sono utilizzate per prendere in prestito denaro garantito da redditi futuri dei contribuenti. Le idee sull'equilibrio del bilancio sembrano, per ora, essere storia, con intere industrie che ora dipendono dai salvataggi del tesoro. I politici di tutto il mondo sono diventati improvvisamente interventisti, con metafore in tempo di guerra utilizzate per giustificare spese gigantesche.

Meno spesso osservato è la sorprendente limitazione delle libertà personali. L'autonomia dell'individuo è fondamentale per le idee neoliberiste. Le "persone che amano la libertà" sono in contrasto con coloro che vivono la loro vita sotto il giogo della tirannia, degli stati che esercitano i poteri di sorveglianza del Grande Fratello sul comportamento dei loro cittadini.

Eppure negli ultimi mesi, gli stati di tutto il mondo hanno effettivamente limitato i movimenti per la stragrande maggioranza delle persone e stanno usando la polizia e le forze armate per impedire l'assemblaggio in spazi pubblici e privati. Teatri, pub e ristoranti sono chiusi da fiat, i parchi sono stati chiusi a chiave e sedersi sulle panchine può farti pagare una multa. Avvicinarti troppo a qualcuno ti farà urlare da qualcuno in vis vis. Un re medievale sarebbe stato colpito da questo livello di autoritarismo.

La pandemia sembra aver permesso ai poteri fiscali e amministrativi del grande governo di sollevare discussioni su prudenza e libertà. Il potere dello stato è ora esercitato in modi che non sono stati visti dalla seconda guerra mondiale e c'è stato un ampio sostegno pubblico.

Resistenza popolare

Per tornare alla Morte Nera, la crescita della ricchezza e dell'influenza dei commercianti e delle grandi imprese ha gravemente aggravato il sentimento anti-mercantile esistente. Pensiero medievale - sia intellettuale che popolare - riteneva che il commercio fosse moralmente sospetto e che lo fossero i commercianti, in particolare quelli ricchi incline all'avarizia. La Morte Nera è stata ampiamente interpretata come una punizione di Dio per il peccato dell'Europa, e molti scrittori post-pestilenza hanno incolpato la chiesa, i governi e le società benestanti del declino morale della cristianità.

La famosa poesia di protesta di William Langland Piers Plowman era fortemente anti-mercantilista. Altre opere, come la poesia della metà del XV secolo, il Libella di Englysche Polycye, tollerava il commercio, ma lo voleva nelle mani dei mercanti inglesi e fuori controllo degli italiani, che l'autore ha sostenuto impoverito il paese.

Con il progredire dei secoli XIV e XV e le corporazioni acquisirono una quota maggiore del mercato, l'ostilità popolare e intellettuale crebbe. A lungo termine, questo avrebbe avuto risultati incendiari. Nel XVI secolo, la concentrazione del commercio e della finanza nelle mani delle corporazioni si era trasformata in un quasi monopolio sulle banche reali e papali da parte di un piccolo numero di società che detenevano anche monopoli o quasi monopoli sulle principali materie prime d'Europa - come l'argento , rame e mercurio - e importazioni dall'Asia e dalle Americhe, in particolare le spezie.

Pandemics Past And Present alimentano l'ascesa di mega-corporazioni Soffitto della Cappella Sistina, Città del Vaticano, dipinto da Michelangelo tra il 1508 e il 1512. Amandajm / Wikimedia Commons

Martin Lutero fu infastidito da questa concentrazione e soprattutto dall'uso da parte della Chiesa cattolica di imprese monopolistiche per raccogliere indulgenze. Nel 1524, Lutero pubblicò un tratto sostenendo che il commercio dovrebbe essere per il bene comune (tedesco) e che i commercianti non dovrebbero applicare prezzi elevati. Insieme a altri scrittori protestanti, come Philip Melancthon e Ulrich von Hutten, Luther ha attinto al sentimento anti-mercantile esistente per criticare l'influenza degli affari sul governo, aggiungendo ingiustizie finanziarie alla loro richiesta di riforma religiosa.

Il sociologo max Weber il protestantesimo famoso associato con l'emergere del capitalismo e del pensiero economico moderno. Ma i primi scrittori protestanti si opposero alle multinazionali e alla commercializzazione della vita quotidiana, attingendo al sentimento anti-mercantile che aveva le sue radici nella Morte Nera. Questo popolare e opposizione religiosa alla fine portò alla rottura da Roma e alla trasformazione dell'Europa.

Il piccolo è sempre bello?

Nel 21 ° secolo ci siamo abituati all'idea che le imprese capitaliste producono concentrazioni di ricchezza. Che si tratti di industriali vittoriani, baroni rapinatori statunitensi o miliardari di dot, le disuguaglianze generate dalle imprese e la sua influenza corruttiva sui governi hanno modellato la discussione sul commercio dalla rivoluzione industriale. Per i critici, le grandi imprese sono state spesso caratterizzate come senza cuore, un colosso che schiaccia la gente comune nel ruote delle sue macchineo estrae vampiricamente i profitti del lavoro dalle classi lavoratrici.

Come abbiamo visto, gli argomenti tra i localisti delle piccole imprese e coloro che favoriscono le corporazioni e il potere dello stato risalgono a molti secoli fa. Poeti e radicali romantici hanno lamentato il modo in cui il "mulini satanici scuri"Stavano distruggendo la campagna e producendo persone che non erano altro che appendici alle macchine. L'idea che l'onesto artigiano venisse sostituito dall'impiegato alienato, uno schiavo del salario, è comune ai critici nostalgici e progressisti del capitalismo primordiale.

Negli anni '1960, l'idea che esistesse una differenza fondamentale tra le piccole e le grandi forme di business ha aggiunto l'ambientalismo a questi argomenti di vecchia data. "L'uomo" nel suo grattacielo era contrario all'artigiano più autentico.

Questa fiducia negli affari locali unita al sospetto delle corporazioni e dello stato sono confluiti nei movimenti verdi, Occupare ed Estinzione Ribellione. Mangiare cibo locale, usare denaro locale e cercare di inclinare il potere d'acquisto di "istituzioni di ancoraggio" come ospedali e università verso le piccole imprese sociali è diventato il senso comune di molti attivisti economici contemporanei.

Ma la crisi COVID-19 mette in discussione questo piccolo è buono, grande è una cattiva dicotomia in alcuni modi fondamentali. L'organizzazione su larga scala è sembrata necessaria per affrontare l'enorme gamma di problemi che il virus ha sollevato e gli stati che sembrano aver avuto più successo sono quelli che hanno adottato le forme più interventiste di sorveglianza e controllo. Anche il più ardente post-capitalista dovrebbe ammettere che le piccole imprese sociali non potrebbero allestire un gigantesco ospedale in poche settimane.

E sebbene ci siano molti esempi di imprese locali impegnate nella consegna di cibo e una quantità lodevole di mutuo soccorso in atto, la popolazione del nord del mondo è in gran parte alimentata da grandi catene di supermercati con complesse operazioni logistiche.

Dopo il coronavirus

Il risultato a lungo termine della Morte Nera fu il rafforzamento del potere delle grandi imprese e dello stato. Gli stessi processi stanno accadendo molto più rapidamente durante il blocco del coronavirus.

Ma dovremmo essere cauti con facili lezioni storiche. La storia non si ripete mai veramente. Le circostanze di ogni volta sono uniche e semplicemente non è saggio trattare la "lezione" della storia come se fosse una serie di esperimenti che dimostrano alcune leggi generali. E COVID-19 non ucciderà un terzo di qualsiasi popolazione, quindi sebbene i suoi effetti siano profondi, non comporteranno la stessa carenza di lavoratori. Semmai, ha effettivamente rafforzato il potere dei datori di lavoro.

La differenza più profonda è che il virus arriva nel mezzo di un'altra crisi, quella dei cambiamenti climatici. Esiste il reale pericolo che la politica di ripresa di un'economia in crescita possa semplicemente sopraffare la necessità di ridurre le emissioni di carbonio. Questo è lo scenario da incubo, in cui COVID-19 è solo un prequel di qualcosa di molto peggio.

Ma le enormi mobilitazioni di persone e denaro che i governi e le società hanno distribuito mostrano anche che le grandi organizzazioni possono rimodellare se stesse e il mondo straordinariamente rapidamente se lo desiderano. Ciò offre reali motivi di ottimismo per quanto riguarda la nostra capacità collettiva di riprogettare la produzione di energia, i trasporti, i sistemi alimentari e molto altro - il nuovo affare verde che molti politici hanno sponsorizzato.

The Black Death e COVID-19 sembrano aver causato sia concentrazione che centralizzazione degli affari e del potere statale. Questo è interessante da notare. Ma la domanda più grande è se queste potenti forze possono essere mirate la crisi che verrà.

Circa l'autore

Eleanor Russell, PhD Candidate in History, Università di Cambridge e Martin Parker, professore di studi organizzativi, Università di Bristol

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Libri consigliati:

Il capitale nel XXI secolo
di Thomas Piketty. (Traduzione di Arthur Goldhammer)

Capitale nella copertina del ventunesimo secolo di Thomas Piketty.In Capitale nel XXI secolo, Thomas Piketty analizza una raccolta unica di dati provenienti da venti paesi, che risale al XVIII secolo, per scoprire i principali modelli economici e sociali. Ma le tendenze economiche non sono atti di Dio. L'azione politica ha frenato le disuguaglianze pericolose in passato, dice Thomas Piketty, e potrebbe farlo di nuovo. Un'opera di straordinaria ambizione, originalità e rigore, Il capitale nel XXI secolo riorienta la nostra comprensione della storia economica e ci mette di fronte a lezioni di moderazione per oggi. Le sue scoperte trasformeranno il dibattito e fisseranno l'agenda per la prossima generazione di pensiero su ricchezza e disuguaglianza.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Nature's Fortune: come prosperano gli affari e la società investendo nella natura
di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.

Nature's Fortune: come business e società prosperano investendo nella natura di Mark R. Tercek e Jonathan S. Adams.Qual è la natura vale la pena? La risposta a questa domanda, che tradizionalmente è stato inquadrato in termini ambientali, sta rivoluzionando il modo di fare business. In Fortune della natura, Mark Tercek, CEO di The Nature Conservancy e ex investment banker e Jonathan Adams, scrittore scientifico, sostengono che la natura non è solo il fondamento del benessere umano, ma anche il più intelligente investimento commerciale che qualsiasi azienda o governo possa fare. Le foreste, le pianure alluvionali e le scogliere di ostriche spesso considerate semplicemente come materie prime o come ostacoli da superare in nome del progresso sono, in effetti, altrettanto importanti per la nostra futura prosperità come tecnologia o legge o innovazione aziendale. Fortune della natura offre una guida essenziale per il benessere economico e ambientale del mondo.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.


Beyond Outrage: cosa è andato storto con la nostra economia e la nostra democrazia e come risolverlo -- di Robert B. Reich

Al di là di OutrageIn questo libro puntuale, Robert B. Reich sostiene che a Washington non succede niente di buono a meno che i cittadini non siano stimolati e organizzati per assicurarsi che Washington agisca nel bene pubblico. Il primo passo è vedere il quadro generale. Beyond Outrage collega i punti, mostrando perché la crescente quota di reddito e ricchezza in cima ha bloccato il lavoro e la crescita per tutti gli altri, minando la nostra democrazia; ha fatto sì che gli americani diventassero sempre più cinici riguardo alla vita pubblica; e girò molti americani l'uno contro l'altro. Spiega anche perché le proposte del "diritto regressivo" sono completamente sbagliate e forniscono una chiara tabella di marcia su ciò che invece deve essere fatto. Ecco un piano d'azione per tutti coloro che amano il futuro dell'America.

Clicca qui per maggiori informazioni o per ordinare questo libro su Amazon.


Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99%
di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.

Questo cambia tutto: Occupy Wall Street e il movimento 99% di Sarah van Gelder e lo staff di YES! Rivista.Questo cambia tutto mostra come il movimento Occupy sta cambiando il modo in cui le persone vedono se stessi e il mondo, il tipo di società che credono sia possibile, e il loro coinvolgimento nella creazione di una società che funziona per 99% piuttosto che solo per 1%. I tentativi di incasellare questo movimento decentralizzato e in rapida evoluzione hanno portato a confusione e errata percezione. In questo volume, i redattori di SÌ! Rivista riunire le voci dall'interno e dall'esterno delle proteste per trasmettere le questioni, le possibilità e le personalità associate al movimento Occupy Wall Street. Questo libro contiene contributi di Naomi Klein, David Korten, Rebecca Solnit, Ralph Nader e altri, oltre agli attivisti di Occupy presenti fin dall'inizio.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro su Amazon.



enafarZH-CNzh-TWnltlfifrdehiiditjakomsnofaptruessvtrvi

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}

DAGLI EDITORI

Il giorno del reckoning è arrivato per il GOP
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Il partito repubblicano non è più un partito politico filoamericano. È un partito pseudo-politico illegittimo pieno di radicali e reazionari il cui obiettivo dichiarato è quello di interrompere, destabilizzare e ...
Perché Donald Trump potrebbe essere il più grande perdente della storia
by Robert Jennings, InnerSelf.com
Aggiornato il 2 luglio 20020 - Tutta questa pandemia di coronavirus sta costando una fortuna, forse 2 o 3 o 4 fortune, tutte di dimensioni sconosciute. Oh sì, e centinaia di migliaia, forse un milione di persone moriranno ...
Blue-Eyes vs Brown Eyes: come viene insegnato il razzismo
by Marie T. Russell, InnerSelf
In questo episodio dell'Oprah Show del 1992, la pluripremiata attivista ed educatrice anti-razzismo Jane Elliott ha insegnato al pubblico una dura lezione sul razzismo dimostrando quanto sia facile imparare il pregiudizio.
Un cambiamento sta per arrivare...
by Marie T. Russell, InnerSelf
(30 maggio 2020) Mentre guardo le notizie sugli eventi di Philadephia e di altre città del paese, il mio cuore fa male per ciò che sta traspirando. So che questo fa parte del grande cambiamento che sta prendendo ...
Una canzone può elevare il cuore e l'anima
by Marie T. Russell, InnerSelf
Ho diversi modi in cui uso per cancellare l'oscurità dalla mia mente quando trovo che si è insinuato. Uno è il giardinaggio o il trascorrere del tempo nella natura. L'altro è il silenzio. Un altro modo è leggere. E uno che ...